Mensa di Adro: pagherà un benefattore milanese. Ma la questione si chiuderà mai?

9

Ci penserà lui a pagare la mensa, e lo farà fino alla fine dell’anno: nessuno sarà più escluso nella scuola di Adro perché un anonimo benefattore milanese dopo aver letto la notizia sui giornali che sarebbero state maestre e addetti alla scuola a pagare autotassandosi, è voluto intervenire per risolvere il problema.  Come riporta il Corriere, con una donazione alla Caritas di Adro ha coperto l’intero importo del servizio mensa per l’anno 2013 per i circa 15 bambini che non hanno una famiglia alle spalle in grado di pagare. In realtà questo gesto non è stato facile da compiere: l’uomo sulla pagina di Facebook della Fondazione Condividere da lui fondata racconta che "nessuno voleva questi soldi, perché la realtà è che ad Adro si combatte da tempo una guerra ideologica, dove i bambini vengono usati come scudi umani…". "La netta sensazione – prosegue – è che ad Adro si sia voluto creare un clima "adatto" a far sì che le famiglie meno abbienti, per lo più non italiane, siano indotte ad andarsene dal Comune".

In effetto il caso mensa – Adro è aperto da anni: dal primo benefattore, Silvano Lancini, imprenditore di Adro insignito del cavalierato della Repubblica da Napolitano, alla Caritas, fino all’autotassazione delle maestre. A far intervenire il nuovo protagonista, come lui stesso racconta, sono stati i commenti apparsi sull’web alla notizia: "Sono rimasto molto stupito, per non dire scandalizzato, dai commenti di non pochi lettori dell’articolo, che ritengono normale negare l’accesso alla mensa ai bambini, sulla base del semplice ma sconcertante principio: "se non hanno i soldi, si arrangino…".

Comments

comments

9 COMMENTS

  1. Non si risolverà mai finché qualcuno continua a pagare al posto loro, i morosi sono sempre gli stessi … basta … alla faccia di quelli che pagano!!!

  2. io pure ho versato la mia parte per i bambini che non potevano. basta prendersela con in bambini. i bambini sono di tutti, sono il nostro futuro.

  3. Dai su, torna a fare propaganda per il pd che se tu sei il re della retorica da 4 soldi coccolaimmigrati mica una mamma di adro…

  4. intendi dire che TU sei la falsa mamma del mar 22 gen 2013, ore 11.02…. ma ad adro le mamme ce lo hanno ancora il cuore? e tiratelo fuori !!

  5. Mi sento rincuorato. per ogni falso indignato leghista di adro c’è una persona di buon cuore che pensa ai bimbi e non a sè stesso

  6. spero che ad adro la gente abbia cominciato a domandarsi: come mai dobbiamo sempre fare la figura di m***** per colpa di un sindaco così ? adro é famosa in tutta italia ed é da paranoici pensare che la colpa é degli altri.

  7. Secondo quanto ha stabilito la Corte di Cassazione il 23 giugno 2010, la Eredi Lancini (azienda che fa capo al sindaco di Adro Oscar Lancini), non ha pagato 20 mila euro di Ici. Soldi sottratti, paradossalmente, proprio al Comune che il sindaco rappresenta. E poi se la prendono con i bambini dei poveri?

  8. La Procura della Corte dei Conti della Lombardia ha presentato al sindaco di Adro, Oscar Lancini e alla sua giunta una richiesta di risarcimento per oltre 26 mila euro, frutto delle spese processuali sostenute dal Comune franciacortino nella cause per la rimozione dei 700 “Soli delle Alpi” di cui era tappezzato l’istituto scolastico del paese. E poi se la prendono con i bambini dei poveri? L’adro di bambini !!

LEAVE A REPLY