I lombardi amano sempre di più i piatti pronti. E Brescia si conferma tra le regine dell’alimentare

0

I lombardi in cucina? Sempre più frettolosi e pigri. E’ quello che emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati registro imprese al terzo trimestre 2012 e 2011. Aumentano del 8,9% in un anno le imprese regionali che si occupano della produzione di piatti pronti, cibi precotti e da asporto, passando da 4.305 a oltre 4.689 attività. Un incremento che porta al 44,5% l’incidenza delle imprese del “già pronto” sul totale del comparto alimentare lombardo. Ma in generale è l’intero settore alimentare e delle bevande a far registrare performance positive: +3,5% in Lombardia (contro il +1,8% in Italia), con picchi del +6,8% nella provincia di Monza – Brianza, del +5,9% a Brescia e +5,2% a Milano. Oltre un quarto delle imprese legate all’alimentazione si concentra nella provincia di Milano (27%), seguita da Brescia con il 14,4% e da Bergamo con l’11,6%. Tra i settori più dinamici, le attività di produzione di pasti e piatti preparati (+34,6% tra 2011 e 2012), quelle di produzione di gelati (+30%) e le imprese che producono articoli per l’alimentazione degli animali da compagnia (+30%). Tra le specializzazioni delle province lombarde, troviamo a Brescia la produzione di oli e grassi (17 imprese su 30 lombarde) e di vini da uve (23 su 95, insieme a Pavia con 17), a Milano i birrifici (10 su 37) e la ristorazione da asporto (1.331 su 4.581).

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome