Ex Magazzini Generali, Lini (Lega): la nuova convenzione penalizza il Comune

0

Martedì 22 gennaio, il consiglio della circoscrizione sud ha votato sulla questione delle modifiche alla nuova convenzione sugli ex Magazzini Generali, che dovrebbero diventare la nuova sede dl comune:  14 voti negativi e un astenuto. Duro il giudizio della Lega Nord "Nella relazione inviataci per il parere in data 24 dicembre abbiamo  ravvisato come gruppo lega nord delle incongruenze e delle variazioni tali da snaturare il progetto precedente: questa nostra presa di posizione nei confronti dell’amministrazione è per tutelare  cittadini e il comune stesso che viene penalizzato" ha dichiarato Giacomo Lini, Presidente della Circoscrizione, aggiungendo "Un vero peccato l’assenza del PDL".

IL COMUNICATO INTEGRALE

La Circoscrizione SUD si trova ad esprimere un parere sulla modifica della Convenzione che regola i rapporti tra il Comune di Brescia e le società Nuovi Assetti Urbani e Interim. Non si può quindi prescindere dal rammentare i contenuti salienti della Convenzione sottoscritta il 10 dicembre 2010. In essa erano contenute le ragioni di una importante modifica dei contenuti urbanistici del piano denominato S. Nazzaro o Magazzini Generali. Riassumendo in breve alle Società sopra citate venivano concessi importantissimi incrementi edificatori a fronte della realizzazione della così definita “Sede Unica” del Comune di Brescia.

Nascendo da una proposta delle Società private il Comune oltre a definire come doveva essere la nuova Sede Unica, oltre a definire quanto i privati potessero incrementare le volumetrie la Convenzione del 2010 definiva le tempistiche, a garanzia del Comune, entro cui i privati dovevano realizzare la nuova Sede Unica, addirittura il Comune veniva tutelato in quanto i Privati non potevano costruire nulla (delle nuove volumetrie concesse) se non avessero adempiuto e finito la nuova Sede Unica (data di ultimazione lavori dicembre 2013 articolo 13, comma 13.1 della convenzione 2010). La convenzione, precisamente definiva anche tempi intermedi fondamentali, in modo che l’adempimento da parte dei privati potesse essere monitorato nel procedere della attuazione della Sede unica. Ad esempio i Privati si impegnavano formalmente ad individuare e quindi appaltare i lavori entro 180 giorni dalla sottoscrizione della convenzione del dicembre 2010 (articolo 16, comma 16.1 della convenzione 2010).

A garanzia degli adempimenti che i privati, SU LORO INIZIATIVA, avevano assunto di fronte al Comune di Brescia, vi erano due elementi, da una parte una fidejussione assicurativa dell’importo dei lavori dall’altra la penale di 1.500 euro al giorno per ogni giorno di ritardo. In sintesi i privati oltre a quanto già era loro possibile costruire ottenevano in incremento quanto segue:

1)            incremento slp Commerciale di mq 2.500 (portando a due le MEDIE strutture commerciali

2)            Il Comune invece che incassare 7.700.000 euro di urbanizzazioni ed oneri li lascerà ai privati.

3)            incremento slp Commerciale di vicinato di mq 2.000

4)            incremento slp residenziale di mq 10.000

5)            trasformazione in edilizia residenziale libera di mq 9.000 riducendo la convenzionata da 9.291 a 291 mq.

6)            mancata cessione dell’edificio denominato Casere pari a mq 6.420 da destinare ad edilizia libera

7)            soppressione della sala civica di mq 150

8)            soppressione del parcheggio pubblico in struttura di 150 posti

9)            mancata realizzazione degli interventi di urbanizzazione di competenza del comune

10)         incremento slp residenziale di mq 4.000 in via Metastasio (ora già costruiti….!!!!)

11)         possibilità di trasferire altrove nel territorio comunale quota della edificabilità ora concessa ai privati

 

Ad oggi risulta evidente nei fatti e non nelle opinioni che gli adempimenti dei Privati nei confronti del comune di Brescia non sono stati adempiuti nemmeno in parte. Infatti: NON è stato sottoscritto nessun contratto con nessuna impresa come doveva essere già stato fatto da oltre un anno (da notare che oltre ai lavori l’appalto contiene l’onere del progetto esecutivo che da solo richiede almeno 4 mesi di lavoro progettuale). NON sono stati avviati i lavori di costruzione della Sede Unica che in teoria dovrebbe essere consegnata finita a dicembre 2013. La nuova Convenzione in sintesi invece comporta i seguenti punti peggiorativi (solo per il Comune di Brescia):

1)            Ulteriore riduzione di 150 posti auto a servizio della sede unica (valore stimato 15.000 euro a posto auto x 105 = – 1.575.000 euro) (Art. 2.2 nuova convenzione)

2)            Dilazione dei tempi di consegna della sede unica, con spostamento della fine lavori di altri 3 anni dalla firma della nuova convenzione. (Art. 13-bis nuova convenzione)

3)            I privati ora potranno costruire non 2 medie strutture di vendita da 2.500 mq ognuna, bensì un grande Centro Commerciale di 15.000 mq!!!! (art. 2.1 nuova convenzione)

4)            I Privati potranno costruire il Centro Commerciale subito. (Art. 14.2 nuova convenzione)

 

Di fatto ci si trova nella condizione di sottoscrivere una nuova convenzione unicamente a tutela degli interessi economici di Società Private mentre le garanzie del Comune si riducono come si riduce il compendio di opere in favore del Comune stesso. I privati ottengono il permesso di realizzare un Grande Centro Commerciale Urbano che  costruiscono subito. Ottenendo grandi vantaggi economici posticipando la costruzione della Sede Unica (ridotta peraltro).  Alla luce dei mancati adempimenti in danno del comune finora rilevati (mancata  aggiudicazione dell’appalto di progettazione e di affidamento dei lavori di costruzione) Ritenendo

•             eccessive le concessioni fatte ai Privati in termini economici

•             eccessive le dilazioni dei tempi per le opere della Sede Unica

•             troppo favorevole ai privati la concessione del Grande Centro Commerciale in assenza di Sede Unica

Il Gruppo Circoscrizionale Lega Nord per l’indipendenza della Padania  esprime per quanto di sua competenza un netto parere contrario alla nuova convenzione . 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. … e vorreste governare la nostra città per altri 5 anni?! … pensate di cavarvela con un comunicato stampa fatto apposta per la campagna elettorale?! … Avete proprio una bella faccia di bronzo!!! E Rolfi che distrugge la città con queste cose e si fa bello con una retata di 4 zoccole cinesi …

  2. Rolfi distrugge la città; vedi movida e si fa bello con una retata che non è nemmeno sua. Indagini e azione si devono alla Polizia di Stato. Il nanerottolo ( vedi Rino Formica) fa solo conferenze stampa.

LEAVE A REPLY