“My Europe: young, equal, inclusive” e “Budd camp”: due progetti internazionali parlano di immigrazione a Brescia

0

L’Associazione ADL a Zavidovici ONLUS ospiterà durante il primo weekend di Febbraio due importanti progetti per discutere di immigrazione  e partecipazione in un’ottica internazionale: MY EU e BUDD CAMP. Il primo progetto, “MY EUROPE: young, equal, inclusive” è un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea sul fondo “Europa per i cittadini”,  che prevede l’arrivo di una delegazione composta dai partner del progetto stesso, provenienti da Bulgaria, Malta, Macedonia e Albania, che, accompagnati dall’Associazione ADL a Zavidovici, lavoreranno per tre giorni sul tema “Immigrazione e politiche”. La democrazia e l’integrazione implicano che tutti i membri di una comunità politica devono condividere i processi di decisione che determinano la comunità stessa. Il progetto vuole dare la possibilità ai migranti di discutere sul significato dell’essere coinvolti nella vita politica della comunità così da influenzare i processi decisionali ed integrarsi.

 

Elemento centrale di questi tre giorni caratterizzati da incontri diretti e ascolto di esperienze locali, sarà la conferenza internazionale “IMMIGRANTS AND POLITICS” prevista per il 2 Febbraio alle ore 10.00 nella Sala della Gloria dell’Università Cattolica di Brescia, in Via Trieste 17. Il programma della conferenza è tanto ricco quanto intenso, e prevede l’intervento di personalità e studiosi di spicco come Pietro Cingolani del Centro Fieri di Torino che farà una panoramica sui flussi migratori in Italia, Lorenzo Trucco, presidente dell’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione che affronterà il tema “Leggi italiane e immigrazione:protezione o violazione?”, Franco Valenti della Fondazione Guido Piccini “Da forza lavoro a cittadini”, Camillo Boano dell’Università di Londra UCL che si occuperà di analizzare il rapporto tra “spazi urbani e immigrazione”, e Maddalena Colombo, del CIRMIB con un intervento dal titolo “Immigrati e bisogni di socialità: lavoratori, donne e seconde generazioni”. Nel pomeriggio interverranno Maria Perino dell’ Università del Piemonte Orientale su “Migrazioni e nazionalismo metodologico”, Lubna Ammoune di Yalla Italia che racconterà dell’esperienza di Yalla Italia per la “costruzione di nuove sinergie per un cambiamento politico e culturale”,a cui seguiranno gli interventi delle Associazioni di Migranti presenti.

Negli stessi giorni saranno presenti gli studenti del Master Universitario dell’Università di Londra UCL (BUDD CAMP), che per tre giorni analizzeranno alcuni spazi urbani di Brescia e Provincia interessanti dal punto di vista sociale e urbanistico per proporre poi delle soluzioni di urban design innovative e a sostegno di un loro sviluppo positivo e armonizzato. Nello specifico, verranno analizzati il quartiere di San Polino e san Polo grazie anche all’incontro con l’ Associazione culturale E.L.E.A., il cortile di un’abitazione di Cellatica in cui sono ospitati alcuni rifugiati e richiedenti asilo per analizzare come l’intimità di una tradizionale casa bresciana può diventare rifugio, mentre tramite l’incontro con la Fondazione Guido Piccini verrà analizzato il problema dei bambini che dal campo rom devono recarsi a scuola attraversando parte della tangenziale, e infine Piazza Rovetta come luogo di confine accompagnati dall’incontro con il Centro per Minori di San Giovanni.

Comments

comments

LEAVE A REPLY