I paletti rimossi? Tutti “parcheggiati” nell’unico posto riservato ai disabili

0

Vivere da disabile significa scontrarsi quotidianamente con mille problemi. Quelli fisici, innanzitutto. Ma anche con i disagi provocati dall’assenza e dalla burocrazia dello Stato. Uno dei nodi principali è però quello della quotidiana inciviltà degli altri, quelli “abili”, che si traduce – nel migliore dei casi – in tante mancate “piccole” attenzioni. Un esempio? La foto che vedete in questa notizia è stata scattata nella mattinata da un giornalista di Bsnews.it in via Gezio Calini. Nella centralissima via del centro storico (le auto arrivano da via Crispi, passano in via Calini e sbucano in via Callegari) esiste un solo posto riservato ai disabili. Eppure l’azienda impegnata nella rimozione dei paletti che separano i marciapiede dalla corsia riservata alle auto ha ben pensato di utilizzarlo per qualche ora come deposito merci. Nonostante a pochi centimetri di distanza (parliamo della porzione iniziale della via, quella a ridosso dei cassonetti) ci fosse tutto lo spazio necessario. E nonostante fossero liberi a quell’ora anche diversi posti delimitati dalle strisce blu. Un piccolo gesto di noncuranza. Che ogni giorno – tra auto parcheggiate sui marciapiedi oppure proprio nei posti riservati ai portatori d’handicap – anche nella "civilissima" Brescia si moltiplica per mille.

Comments

comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY