Campagna bus, Fornasari (Pdl): “Chiediamo alla Cgil di suggerire il punto di colore più rispettoso della sensibilità di tutti”

24

Sulla vicenda della campagna pubblicitaria soprannominata "mano nera" interviene il coordinamento cittadino del PdL che per bocca del consigliere comunale Mariachiara Fornasari, portavoce del partito, dichiara che: "sono anni che la CGIL ci abitua a strumentalizzazioni di vario genere e che hanno spesso sullo sfondo l’immigrazione, ma voler vedere del razzismo nella campagna pubblicitaria di Bresciamobilità rasenta davvero l’inverosimile". "Secondo questo criterio nessuno dovrebbe più permettersi di abbinare il colore nero a circostanze funeste o infauste, come la normalità delle persone usa fare" prosegue Fornasari. "Se la Cgil pensa poi che la mano nera sia quella di un fantomatico immigrato di colore dimostra, come al solito, di non saper capire, poiché è evidente che la stessa vuole significare la mano del controllore e non del passeggero!” prosegue Fornasari. "In ogni caso, a questo punto, chiediamo alla CGIL di suggerire il punto di colore più rispettoso della sensibilità di tutti, ricordando che il giallo potrebbe offendere gli asiatici, il verde i leghisti ed il rosso la sinistra e che magari potremmo usare il colore bianco che, se anche offendesse gli italiani, per la Cgil non sarebbe un problema" conclude Fornasari.

Comments

comments

24 COMMENTS

  1. Fuori dalle polemiche specifiche, personalmente, utilizzando i mezzi pubblici, ho la certezza che a non pagare il biglietto (ovvero l’abbonamento) sia un numero elevato di utenti, di gran lunga superiore a quell’8% contenuto nel messaggio pubblicitario. I controlli sono minimi e c’è chi, purtroppo, ne tiene conto per farla franca.

  2. E rieccola, con le sue banalita’ puerili. Pur di mettersi in mostra interviene su tutto. Rolfi docet. Chiedo al sindaco: dove mai potra’ arrivare se candidera’ nuovamente personaggi di questo calibro politico? Capisco che le sue schiere consigliari si sono assottigliate, ma almeno punti sulla qualità .

  3. Era così bello il pensiero di essersi liberati di Rolfi…
    Sogno durato poco perché adesso per fare la sua carriera la fornasari è disposta proprio a tutto.
    Speriamo che non diventi vice sindaco altrimenti i bresciani non potranno reggere ben altri 5 anni

  4. Mi sembra una buffonata che questa signorinetta usi il cognome famoso di suo fratello per avere visibilità politica. Certo è che farebbe bene a non intervenire perchè si fa danno: la sciocchezze le lasci dire a Rolfi che ne ha il copyright.

  5. Premesso che non milito nella CGIL, suggerisco semplicemente di non buttare nel water i soldi dei cittadini in baggianate come questa campagna inutile. Già che si chiedono suggerimenti, suggerisco alla Signora Fornasari di occuparsi di cose personali, in modo da limitare i danni che lei, i suoi colleghi di partito ed alleati provocano alla collettività da ormai troppo tempo.

  6. Che Stefano Saglia concordi meglio cio’ che dovrebbe essere espressione del partito, perchè le ultime uscite della Fornasari sono quanto meno imbarazzanti

  7. Magari la mano nera e’ la vostra della Giunta Comunale in carica che, dopo le elezioni, risulta bruciata dall fuoco. Mai mettere la mano sul fuoco soprattutto prima del dovuto. Alla signora Fornasari dico che le sue ultime sparate mediatiche certamente non sono di buon auspicio per il Sindaco Adriano Paroli(come vede ho specificato bene il nome per evitare confusioni inutili) perché se tanto mi da tanto si salvi chi può’ Vedere e sentire Lei è Rolfi e’ come la legge degli addendi che possono cambiare di posto ma il risultato non varia

  8. Alle amministrative votiamo Gianfranco Paroli e Roberto Margaroli.
    Solo in questo modo la fornasari non può diventare assessore
    La cosa mi farebbe troppa paura

LEAVE A REPLY