Rolfi: “Il mio proposito è diventare il consigliere regionale di riferimento per la nostra Città”

0

Ieri, domenica 3 febbraio al Museo delle Mille Miglia si è tenuta la presentazione del programma elettorale di Fabio Rolfi, candidato per la Lega Nord in Regione Lombardia. “Il programma che ho presentato – spiega Rolfi – è coerente con quanto la Lega Nord si è prefissata: trattenere il 75% delle tasse prodotte sul nostro territorio. Come assessore alla sicurezza di Brescia non posso non preoccuparmi della situazione dei Comuni su questo tema: si rende necessario infatti stanziare più risorse per il potenziamento delle polizie locali e per l’implementazione di nuovi sistemi di videosorveglianza. Altro tema che ritengo prioritario è quello relativo alle infrastrutture bresciane: il mio obiettivo in questo senso è quello di potenziare la rete metropolitana cittadina per arrivare ad avere, in un prossimo futuro, una vera e propria rete a livello provinciale. Inoltre, considerato il peso decisionale della Regione in ambito sanitario, è mia intenzione attivarmi per portare a compimento, il prima possibile, la ristrutturazione e l’ampliamento dell’Ospedale Civile di Brescia, fiore all’occhiello di eccellenza in ambito ospedaliero per tutta la nostra Provincia. Più in generale vorrei fare in modo che Brescia possa avere più peso in Lombardia: il mio proposito infatti – conclude Fabio Rolfi – è  quella di poter diventare il consigliere regionale di riferimento per la nostra Città.”

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Donde viene, o meglio da chi è stato suggerito questo imprevedibile riferimento programmatico all’Ospedale Civile, già peraltro sottoposto ad innumerevoli interventi di ampliamento e ristrutturazione proprio negli ultimi dieci anni ? Interessante, molto interessante…

  2. Il suo compito, Sig. Rolfi, è lavorare per tutta la Lombardia, non per fare il referente di Brescia. Altrimenti si comporta esattamente come un Lombardo qualsiasi. Che pena…

  3. Lasci perdere; non abbiamo bisogno di figuracce. Le sue ampolle padane, che qualificano il suo livello culturale, sono estranee alla citta’. Al massimo un bresciano su dieci si puo’ confondere con voi.

  4. Rolfi dopo tutto quello che non ha fatto e i disastri che ha fatto che sono sotto gli occhi di tutte le persone un po’ sveglie le conviene risparmiarsi certi discorsi. La mia mamma mi diceva che le bugie hanno lle gambe corte

LEAVE A REPLY