Loggia, tutti a “corteggiare” la civica Castelletti

25

Era seduta tra il pubblico, attentissima a ciò che dicevano i tre relatori. Ma la civica Laura Castelletti è stata senza dubbio una delle protagoniste del dibattito organizzato ieri da Bsnews.it e 12 Mesi con i candidati al Parlamento Paolo Corsini (Pd), Gregorio Gitti (Scelta civica con Monti) e Stefano Saglia (Pdl). Tutti e tre, parlando delle prospettive per le elezioni comunali, hanno infatti corteggiato esplicitamente l’ex socialista. “Guardiamo senza dubbio anche alla Castelletti”, ha sottolineato Corsini. “A Laura dico: diffida dei corteggiatori”, ha subito incalzato Saglia. Mentre l’interessata rispondeva dal pubblico con una battuta, evidenziando che anche nel centrodestra esiste qualche autorevole spasimante (Paroli, ndr). Il più esplicito è stato comunque Gitti. L’avvocato montiano ha infatti ribadito che scelta civica sarà in campo anche per la Loggia con un suo candidato. Chiarendo che la prospettiva è quella del dialogo con il civismo bresciano. “Al posto di corteggiare farò il galante e non citerò nessuno”, ha detto. Ma il pensiero di tutti è subito corso all’oggetto del desiderio della serata.

Ma sul fronte alleanze per la Loggia, ieri, sono emersi anche altri particolari significativi. Corsini, infatti, ha ribadito di guardare con interesse anche al fronte montiano. E ha aggiunto: “Anche le elezioni bresciane risentiranno di quanto accadrà a Roma”. Anche se Gitti l’ha subito raffreddato con un “non è detto”. Ancora l’esponente del Pd ha sottolineato le “qualità di cultura e di governo di Fenaroli” affermando che “un confronto con lui è possibile”. Mentre Saglia – sul fronte opposto – si è detto “tranquillo” del fatto che Paroli si ripresenterà alle urne con la stessa alleanza del 2008: dunque Udc compresa.

Comments

comments

25 COMMENTS

  1. Vivano i loro innamoramenti senili (poco disinteressati) a luci (della ribalta) spente. Noi ne abbiamo piene le tasche di queste risibili manfrine.

  2. Definirla civica mi sembra un pò generoso… il socialismo da quelle parti è ancora vivo e nemmeno troppo velato…il che non cambia il concetto, tutti la corteggiano, ma direi che le vere risore civiche nel panorama bresciano risiedano in ben altri nidi….

  3. @niculì. Gentile amica, a quali le risore (?) civiche fa riferimento? Al dott. Onofri? Un pò (?) vetusto anche lui politicamente, nevvero? Quali nidi? Quelli di Paroli l’altro? Quale socialismo? Ma di cosa parla? E poi, a tutti, smettiamola con l’utilizzo di verbi (corteggiare) misogini. Ragioniamo sui contenuti. Ne va del nostro futuro.

  4. Anch’io la penso come Piero. La Castelletti si è sempre distinta per generosità e buon senso, mantenendosi autonoma. L’opposizione l’ha fatta maturare. Ora deve governare. Questa è la politica.

  5. Qualcuno sa dirmi una cosa (una sola) di significativa, interessante, nuova (o vecchia, non importa) di questa algida signora che è un condensato di vuote banalità?

  6. Qualcuno sa dirmi una cosa (una sola) di significativa, interessante, nuova (o vecchia, non importa) di questa algida signora che è un condensato di vuote banalità?

  7. Nel corso dello "struscio", tutti ci provano con tutte:La gioventù (?) del loco, mira e si fa mirare. Sperando che la "dote" accreditata possa cambiare il corso della…tornata.Altr imenti… ci si gode la lau…ta pensione, se conquistata.

  8. Sono una fan di Laura Castelletti, quella delle banalità, per intenderci. Se capissi la domanda di riky-il-politico proverei a dare una risposta. Purtroppo, anche con la migliore delle intenzioni non si capisce cosa voglia sapere il suddetto. Peccato, l’avrei fatto volentieri.

  9. Ci credo che tutti corteggiano la Castelletti, lo farei anche io, ma… politicamente parlando, davvero, cosa avrebbe di innovativo? L’immagine cool? Le foto instagrammate alle calze dei consiglieri? Le proposte copiaincollate da qualche Capitale Europea a caso (a Oslo girano in bici!!! a Stoccolma c’è il city center che è una figata!!! a Berlino è tutto così cool!)? Torniamo con i piedi per terra. Se uno vuole dare un voto tutto immagine ed estetica (mi son sempre chiesto perché sul bugiardino è così tanto "reclamizzata"… mah?) sa dove guardare. Ripeto: fosse disponibile, la corteggerei nel migliore dei modi. Politicamente parlando, lasciamo perdere…

  10. Non sono un estimatore della signora di cui trattasi, ma non posso tollerare le ignobili volgarità contenute in alcuni scritti. Si può fare polemica con ironia o sarcasmo ma le frasi da trivio non si devono consentire. Le volete cancellare?

  11. a) L’incipit di piergi è veramente interessante: "pochi sanno". Già pochi sanno, ma il pentastellato sa. Sa e dice sempre le stesse quattro o due cose (Fermi, Craxi). Lo seguo da tempo, non mi pare un granchè.
    b) Arminivs si lamenta delle frivolezze della Castelletti. Ha ragione. Ne ho parlato anch’io con Laura proponendole di parlarci mattino e sera delle dichiarazioni di Rolfi e di Margaroli, della visione politica di Labolani, delle strategie urbanistiche della Vilardi. Di parlarci di politica alta insomma. Di fare un vero blog. Mi ha detto di fare il mio mestiere, che lei fa il suo.
    c) riky-il-politico affonda il coltello nella piaga con un contributo originale e argomentato. Castelletti quanto sei banale!

    Dal livello di aggressività registrata mi pare che Laura avrà i consensi per governare. E credo lo farà anche bene, come in questi anni bene ha fatto l’opposizione, leggera, non trinariciuta nè pentastellata.
    PS: per quanto possa contare il blog di Laura è informato e pure divertente e simpatico.

  12. Ma non è che mi lamento delle frivolezze, mi pare però che punti al 90% sull’estetica. Ho capito che può arrivare al cuore della bresciana perbene che vuole votare qualcuno "di classe", al borghesuccio che al massimo ticommenta con un "mi sembra una perbene", niente più. Ha mai detto qualcosa sui tagli che lo Stato italiano fa ai Comuni? Mai detto niente sull’IMU? Facile fare i paragoni con la Svezia, quando lì sono uno Stato indipendente che non deve mantenere 40 milioni di abitanti. Oltre al "portiamo le biciclette a BS", cosa propone? Perché uno dovrebbe votare per lei? Oltre alle poltrone da spartire con i big "con passione", una coalizione che volesse vincere le elezioni, che programmi dovrebbe per forza realizzare se avesse con sé la pasionaria di Brescia per Passione?
    PS: le converrà anche allearsi eh… se sparisse dal Consiglio Comunale, chi ne sentirebbe la mancanza, politicamente parlando (non politicamente, io sicuramente…)?

  13. Caro Cruijff, ha mai sentito parlare di madri e casalinghe? O forse lei non considera che fare la madre o la casalinga sia un lavoro, pensa che le donne che fanno politica siano tutte poco di buono. Lei è uno di quelli che commenta quanto dicono e fanno le donne con con raffinati epiteti da bar? Lei è un uomo vero? della lega o un ex comunista?

  14. Cara Paolina, non mi permetterei mai di offendere nessuno. Nessuno dei messaggio volgari è mio. La mia domanda si riferiva a questo: se l’immaginario Adriano (messaggio sotto) chiede a Castelletti di parlare "di politica alta" (anche se il suo messaggio è ironico) e Castelletti risponde "fare il mio mestiere, che lei", ecc., è ovvio che non si riferisce al suo mestiere (sono d’accordo che lo sia) di madre e casalinga (anche se, dubito che stiamo parlando di una dura vita fra scope e fornelli. Io ho un lavoro ma condivido i lavori domestici con la mia compagna e tolleriamo entrambi il carico). Credo, se capisco l’intento di Adriano, che volesse dire "faccio politica in modo diverso". E qui torno alla mia domanda: che tipo di politica è?

  15. Sintesi moderata. La "Scelta Civica" di Monti nulla ha a che fare con il civismo ed altrettanto il Prof.Gitti, fondatore bresciano del progetto "Partito Democratico" lanciato dai prodiani, poi persosi per strada tra una Fondazione e l’altra, ma che da sempreè stato coinvolto nella politica e dai partiti. Anche la Sig.ra Castelletti, socialista della prima ora nel PSI ed eletta sotto i simboli poi eredi del socialismo, ha deciso legittimamente di fondare una Lista Civica, nella quale peraltro si sono candidati tutti i socialisti bresciani delle prime, seconde e terze linee. Ergo, chi vota per questi "civici" deve semplicemente tener conto che tra frange dell’ex DC e reduci post-socialisti voterà per il passato partitocratico, non certo per un presente lontano dalla spartizione consociativa del potere (unico, vero obiettivo) e men che meno per un futuro di democrazia partecipativa dal basso.

  16. Piergi è uno che sa e te la insegna, non lascia spazio a dubbi, il ragionamento è sempre logico, pure il tema è lo stesso, sempre. Non ammette il pentimento né il perdono. Chi è nato DC o peggio ancora socialista è macchiato del peccato più infamante, non c’è battesimo in grado di salvarlo. Eppure, da lui che parla da convertito, ci si potrebbe aspettare una maggior comprensione, un’aperturina.

LEAVE A REPLY