Paolo Scaroni: “Ho pensato di lasciare l’Italia. resto solo per la mia famiglia e amici”

0

"Sono un cittadino italiano reso disabile al 100% per mano dello Stato e non esiste un responsabile. Nessuno mi ha chiesto scusa, nemmeno è stato proposto un risarcimento. Così mi sono chiesto: ha ancora senso vivere in Italia?". Si è espresso così Paolo Scaroni, il tifoso bresciano pestato alla stazione di Verona più di 7 anni fa al termine di una partita. Alla fine Paolo ha deciso di restare qui, “per la famiglia e gli amici”. E’ ancora in attesa delle motivazioni della sentenza dello scorso 18 gennaio quando i giudici di Verona hanno assolto per insufficienza di prove i poliziotti accusati di averlo picchiato. In ogni caso Paolo è deciso a ricorrere in appello. Ora si limita a continuare la sua consueta fisioterapia, quella che non gli serve a migliorare ma almeno a restare così com’è. Sfiduciato e deluso anche il padre di Paolo che aggiunge: “ io non ho più fiducia nella giustizia. Ci sono cittadini di serie A e serie B, mio figlio evidentemente appartiene alla seconda categoria".

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome