Seconda Esposizione del Libro Dialettale Bresciano dedicata a Tom Gatti

0

Il 21 aprile 2013, nella Pieve di Urago Mella di Brescia, in via Della Chiesa 136, avrà luogo la Seconda Esposizione del libro Dialettale Bresciano.

Grande  vetrina  organizzata  per dare  l’opportunità  a  tutti  gli  AUTORI   di  volumi,  opuscoli, cassette, dischi, dvd, cd, in dialetto bresciano, nonché ai PARENTI di autori deceduti e CULTORI del dialetto in possesso di testi curiosi e rari, di usufruire della necessaria visibilità.

Chi  fosse  interessato  a  partecipare  potrà  mettersi  in  contatto  con  l’organizzazione  – tel. 333 7402031 o 030 394663- prima possibile, comunque non oltre il 15 marzo 2013, per garantirsi uno spazio e, dopo la conferma dell’assegnazione del posto che gli sarà riservato, presentarsi il 21 aprile dalle ore 8,30 alle 9, alla Pieve di Urago Mella di Brescia, onde sistemare il materiale che desidera esporre.

Salve le generali e ovvie attenzioni, che competono agli organizzatori per il buon andamento dell’iniziativa, non è previsto, per ben comprensibili ragioni, che gli stessi si sostituiscano agli autori  nella  vigilanza  e  custodia  dei  documenti  in  mostra,  quindi,  si  invitano  gli  autori  ad accordarsi fra  loro per l’eventuale presenza o sostituzione al banco espositivo.
Con l’intento di voler considerare questa esposizione anche un’occasione  d’incontro e confronto tra autori, durante la giornata, nell’abside della Pieve, verrà messo a disposizione uno spazio da cui gli stessi, in alternanza e a loro piacere, potranno esibirsi per cantare o declamare due o tre loro composizioni.

Alle ore 18, dopo un intervento di Eugenio Massetti, Presidente della Confartigianato Imprese Unione di Brescia, si esibirà, per il Teatro Gavardo, l’attrice Paola Rizzi, in arte Signora Maria, nell’esilarante monologo: “ Non sono una signora”.                           

Seconda occasione che gli autori non dovrebbero lasciarsi sfuggire e dai quali attendiamo una sollecita prenotazione per metterci in condizione di organizzare ogni spazio al meglio.

Comments

comments

LEAVE A REPLY