Gad Lerner intervista il candidato del Pd Mucchetti: mercoledì agli Artigianelli

0

Ecco gli appuntamenti del Pd in occasione dell’ultima settimana della campagna elettorale.

Si inizia martedì 19 febbraio alle 20,30 nella sala Piamarta in via San Faustino 74, con l’incontro dal titolo "Ri-generazione Italia. Immigrazione cittadinanza diritti: quale soluzione?" dibattito organizzato dai Giovani Democratici di Brescia con Khalid Chouaki responsabile Nuovi italiani del PD nazionale e candidato alla Camera in Campania, Giovanna Benini responsabile forum immigraz PD candidata al Senato, Omar Hamir Mid dell’associazione per l’integrazione Pakistana e membro forum immigrazione PD, Vanessa Tullo, responsabile diritti GD, Caterina Santachiara responsabile diritti GD nazionale. Lo stesso giorno, ma alle 18 nella sala del terzo piano della sede PD provinciale in via Risorgimento 18, ci sarà un incontro sul tema "Il futuro comincia dai ragazzi di oggi". Interverranno Laura Parenza, candidata al consiglio regionale, sen. Anna Serafini, presidente nazionale Forum infanzia e adolescenza, Mariella Foresti presidente Pinac, Giovanna Benini, candidata al Senato e Marina Berlinghieri, candidata alla Camera. Il giorno dopo, mercoledì 20 febbraio all’Auditorium Capretti in via Piamarta a Brescia Gad Lerner intervista il collega Massimo Mucchetti, capolista al Senato per il PD in Lombardia. Mercoledì 20 febbraio ore 20 Giovanna Benini, candidata al Senato, Laura Parenza e Antonella Montini, candidate alla regione, interverranno a Marcheno nella sala consiliare sul tema "La scuola che vogliamo: le proposte del PD".

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Già il Lerner invitava nelle sue trasmissione l’amico vice-direttore del Corriere Muchetti come giornalista "indipendente" e adesso sono schieratissimi insieme? Ma il Muchetti giornalista non si è mai accorto dell’analogia tra : Mps si svena a novembre del 2007 comprando per 10 miliardi Antonveneta dal Banco Santander di Botìn, che l’aveva appena pagata 6 miliardi. Ma solo sei mesi prima Rcs si era rovinata comprando a Madrid il gruppo editoriale Recoletos dallo stesso Botìn a un prezzo inverosimile: tanto che adesso, dopo sei anni, proprio di quella operazione sono chiamati a pagare il conto i lavoratori italiani e spagnoli di Rcs. Ottocento esuberi, chiusura di dieci periodici, ridimensionamento severo del Corriere della Sera (un terzo dei giornalisti a casa).
    Vendita della sede storica in via Solferino. Tutto questo disastro perché sei anni fa Perrone, in pieno accordo con il primo azionista di Rcs, Mediobanca, ha indebitato la società di un miliardo di euro per lo shopping spagnolo”.

    “Mediobanca, grazie alla sua pesante influenza sui più diffusi media nazionali, è sempre riuscita a tenere in stato di semi-segretezza la vicenda Recoletos, che invece è molto divertente da raccontare.
    Adesso cosa propone Muchetti politico per salvare Rcs? E Ambrosoli (membro del Consiglio d’amministrazione di Rcs fino al 18 dicembre 2012) come membro del comitato di controllo e rischi (tre componenti: Umberto Ambrosoli, Fulvio Conti, Luca Garavoglia) non si è accorto di niente?

LEAVE A REPLY