I commenti dei protagonisti delle elezioni (ANCHE VIA FACEBOOK)

0

I COMMENTI DI OGGI (REGIONE)

20.22, Fabio Rolfi (Lega): "A Roma si rischia il pantano o il ritorno alle urne, ma questo pasticcio ci aiuta. Il nostro obiettivo è dare più potere al Nord e alla Lombardia: chiaro che fare un braccio di ferro con chi è debole è più facile".

18,30 Vito Crimi (M5S): "Il nostro obbiettivo è portare trasparenza in regione Lombardia. In 20 anni di governo della Lombardia centrodestra e centrosinistra hanno fatto porcate".

18,26 Donatella Albini (Sel): "Stupisce che questa regione, caduta per mano della magistratura, torni in mano al centrodestra. Invito però Rolfi ad non sposare lo slogan ("Yes, we can")di Obama perchè politicamente sono distanti anni luce"

18,10 Stefano Saglia (Pdl): “Quelli che pensavano ad un voto disgiunto si sono sbagliati, almeno stando ai primi risultati. Il centrosinistra ha sbagliato mira, ma senza proposte di governo. Anzi la proposta radical chic di Ambrosoli poteva convincere una parte di Milano, ma non certo tutta la Lombardia”.

17,01 – Fabio Rolfi (Lega Nord): "Yes we can" (COMMENTO IN TWITTER)

12.07 – Paolo Sabbadini (Lega): “Tra poco si mangia e poi si va a contestare ogni voto dubbio! CONTROLLATE e CONTESTATE. dai che ce la si può fare. Rolfi/Maroni AVANTI TUTTA”. (COMMENTO IN FACEBOOK)

I COMMENTI DI OGGI’ (CAMERA E SENATO)

19,01 – Raffaele Volpi (lega Nord): "Bersani sta cercando nelle pagine del programma i temi da trattare con Grillo. Non ci sono più erano quelle di SEL …." (COMMENTO IN TWITTER)

17,58 Mario Sberna (Scelta Civica): “La passione degli italiani per pagliacci, nani e ballerine non si è ancora esaurita. Ora gli uomini e le donne elette devono rendersi conto che siamo allo sbando, inutile cercare sempre un capro espiatorio. Bisogna lavorare insieme”

17,45 Gianantonio Girelli (Pd): “Alzare il tono della protesta è un conto, trasdurlo in fatto è tutt’altro. Ora servirà confrontarsi e cercare una via d’uscita quanto più condivisibile dalle parti”

17,40 Daniele Ceresa (Partito Pensionati): “Non credo che il voto ai grillini sia un voto di protesta bensì di entusiasmo”

16.10 – Gregorio Gitti (Monti): "Un risultato molto importante di cui sono particolarmente soddisfatto. Nella città di Brescia la lista Monti ha raggiunto i voti della Lega: non l’avrei mai immaginato. E’ il primo passo di un progetto politicvo che ora può soltanto crescere".

14.03 – Mariachiara Fornasari (Pdl): “Resto formattatrice perchè credo che il PDL vada riorganizzato partendo dalla base; se avessimo stilato liste più legate al territorio e con più volti nuovi avremmo vinto la Camera… Peró Silvio che maestro: senza di lui siamo persi!”. (COMMENTO IN FACEBOOK)

13.55 – Paolo Fontana (Pdl): “……penso che il voto politico abbia dato una chiara indicazione: il FALLIMENTO delle politiche di austerita’ (fiscal compact imposto dall’europa che impone tagli e tasse e pareggio di bilancioecc) e dei partiti e leaders che in italia le hanno volute e promosse con cinismo e disinteresse per le classi popolari ed i ceti medi produttivi italiani. l’Europa si è infatuata per le politiche di austerità, i “ tecnocrati “ hanno respinto le preoccupazioni per cui il taglio della spesa e l’aumento delle tasse nelle economie depresse avrebbero potuto peggiorare le cose; questi “soloni “ non ammettono che le politiche imposte ai debitori sono un fallimento disastroso. Proseguire con le ricette ( ordini ) della Bce non farà altro che alimentare l’estremismo e il radicalismo politico. Se questa situazione non cambia radicalmente e subito , con un ritorno allo sviluppo e alla regolamentazione dei mercati finanziari, le elezioni italiane saranno solo un assaggio della pericolosa radicalizzazione che verrà presto”. (COMMENTO IN FACEBOOK)

12,40 – Beppe Almansi (Sel): “Al netto di tutti gli errori compiuti anche da noi mi pare che la proposta di Nichi Vendola resti la più lucida. Confrontarsi con i 5 stelle significa per esempio avere capito che quello non è stato un voto di protesta ma un voto che obbliga tutti noi a ripensare a trovare una connessione con il nostro popolo che non c’è più da tempo. Altro che voto di protesta … è un voto contro le politiche di Monti e di chi lo ha appoggiato, è un voto contro questa Europa così come la conosciamo. Al netto del populismo che mi preoccupa tanto non possiamo non cogliere questa novità e cercare di comprenderla. Si faccia un governo e si cerchi l’appoggio esterno al senato dei 5 stelle per fare subito alcune cose partendo dal conflitto di interessi e arrivando ad una nuova legge elettorale. Poi si torni a votare”(COMMENTO IN FACEBOOK)

12,20 – Alfredo Bazoli (Pd): “La sintesi di questo risultato credo possa essere questa: ha stravinto Grillo, hanno perso tutti gli altri. Ma è ovvio che la sconfitta pesa di più su chi da mesi era annunciato vincitore, e si trova oggi a dover gestire una vittoria di Pirro, un parlamento ingovernabile. La mia sensazione è che, alla fine, il Partito Democratico non è riuscito a dare il senso del profondo rinnovamento che l’opinione pubblica si aspettava. Non sono bastate le primarie per i parlamentari che hanno cambiato radicalmente la rappresentanza, quello che contava erano le parole d’ordine, l’immagine complessiva, e su questo non siamo stati all’altezza. E alla fine i delusi hanno finito per votare Grillo anzichè centrosinistra. Ora ci spetta un compito complicatissimo, mettere insieme i cocci di una maggioranza che tenga in piedi un governo che, inevitabilmente, non potrà che essere di transizione, con un orizzonte breve, e poche cose da fare. L’esatto contrario di ciò di cui il paese oggi avrebbe bisogno. Vedremo, metteremo alla prova i grillini, capiremo se avranno voglia di misurarsi concretamente con i problemi o prevarrà la furia iconoclasta. Per parte mia, entrerò in Parlamento con un filo di disillusione, ma di certo con l’intenzione di mettere a disposizione delle istituzioni la mia competenza, la mia serietà, e tutta la capacità di mediazione e di dialogo di cui sarò capace”. (COMMENTO IN FACEBOOK)

11.00 – Claudio Buizza: “Il voto a grillo, con molte contraddizioni e qualche furbizia, esprime comunque richieste di innovazione e di radicalità delle proposte, o scelte nette se a qualcuno dà fastidio il termine, su temi che i cittadini avvertono come urgentissimi. Se il PD manda in televisione a commentare l’esito Boccia e La Torre è finita. Per il PD naturalmente, qualcun altro ne raccoglierà l’eredità”.  (COMMENTO IN FACEBOOK)

10.13 – Bartolomeo Rampinelli Rota (Udc): “La legge elettorale: due piccolini SEL 1,66 2 eletti in Lombardia2, Udc 1,36 zero”.  (COMMENTO IN FACEBOOK)

9,15 – Gianatonio Girelli (Pd): “25% di astensione, 25% a Grillo. Ogni altro numero conta poco. Il messaggio è forte e chiaro: così non va! È ora di cambiare, e in fretta!” (COMMENTO IN FACEBOOK)

I COMMENTI DI LUNEDI’ (CAMERA E SENATO)

01.00 – Fabio Rolfi (Lega Nord): “… Vado a dormire soddisfatto, Raffaele, Davide e Stefano vanno dalla grande meretrice, li conosco tutti e mi accontento, in attesa di domani e del nostro Bobo !”

00,33 – Mario Labolani (Fratelli d’Italia): “Una giornata molto pesante che ancora non è finita. Un vero terremoto politico. La politica e’ stata pesantemente sconfitta dalla protesta senza proposta e l’unica speranza e’ fare una seria riforma elettorale non un porcellum dove i cittadini possono scegliere con le preferenze o piccoli collegi. Il 2% di Fratelli d’Italia e’ quello che bene o male prevedevamo in 40 giorni senza spazi mediatici non potevamo prevedere di più. Ma aspettiamo le regionali lombarde”.(COMMENTO IN FACEBOOK)

21,19 – Margherita Peroni (Pdl): “Se i dati rimarranno questi ci troviamo di fronte ad una situazione di ingovernabilità del paese. Pensiamo poi ai grillini che entreranno in parlamento. Ho grande rispetto per il voto degli italiani, ma che linea politica seguirà il M5S?”

20.37 – Rocco Vergani (Pd): “Il Paese e’ ingovernabile,ma critichiamo noi stessi che non lo abbiamo ascoltato non i cittadini. Non ci sono piu’ scuse”. COMMENTO POSTATO SU FACEBOOK 

20.30 – Tiziana Ippolito (Pdl): “Berlusconi in poco più di due mesi e mezzo ha tirato su il partito passando dal 10 per cento dei consensi all’attuale 20%. Certo, siamo ancora in tensione e rimaniamo in attesa dei dati definitivi".

20,20 – Mariastella Gelmini (Pdl): “Grazie Presidente Berlusconi comunque finisca gli italiani premiano il suo coraggio. Orgogliosi del nostro Presidente! IO CI CREDO” (COMMENTO POSTATO SU FACEBOOK)

20.17 – Paolo Corsini (Pd): “Anche in politica l’onesta intellettuale non è un optional: questi risultati smentiscono pesantemente le mie aspettative e mi sconcerta la capacità di recupero del centrodestra”.

20.15 – Mariachiara Fornasari (Pdl): “Nell’incertezza totale del risultato elettorale, si va insistentemente delineando una sicurezza: Casini e Fini a casa!!!” COMMENTO POSTATO SU FACEBOOK 

20.09 – Bartolomeo Rampinelli Rota (Udc): “Abbiamo pagato scelte impopolari ma necessarie per il Paese, quali Imu e riforma delle pensioni”.

20.00 – Gianantonio Girelli (Pd): Il risultato del voto va sempre rispettato, anche quando non ci piace molto. Tuttalpiù c’è da riflettere su cosa si è sbagliato nella proposta! Ora aspettiamo di vedere come va a finire… COMMENTO POSTATO SU FACEBOOK 

19.49 – Adriano Nitto (Cinque stelle): “Partivamo dallo zero per cento e ci troviamo un tesoro di inestimabile valore: ora la gente deve capire che gli eletti non vanno lasciati soli, questo è fondamentale per non commettere lo stesso sbaglio degli ultimi 30 anni”. 

19.47 – Luca Trentini (Sel): “Siamo un popolo incapace di democrazia! Premiamo solo l’uomo forte, quello che urla di più, il demagogo! Programmi e contenuti non contano nulla! Dal balcone al palco non è cambiato nulla!” COMMENTO POSTATO SU FACEBOOK 

19.46 – Pietro Bisinella (Pd): “I dati sono ancora molto parziali e contrastanti. E’ difficile fare delle valutazioni ora. Ma senza dubbio il fatto che Berlusconi, dopo tutto l’accaduto, abbia ancora il suo appeal è preoccupante”. 

19.24 – Fabio Rolfi (Lega Nord): E’ moderatamente soddisfatto il segretario provinciale del Carroccio circa i dati sulle elezioni politiche che riguardano il Senato. “La Lega arriva da due anni difficili e di rinnovamento interno. Nonostante la sorpresa Grillo, che comunque personalmente mi aspettavo, sono moderatamente soddisfatto. Del resto la Lega in queste elezioni ha puntato maggiormente sulle regionali, e li stiamo tenendo bene”.

19.03 – Aristide Peli (Lega Nord): E’ innegabile il successo di Grillo, ma dopo una campagna elettorale urlante, ora entrerà in Senato e dovrà smettere di urlare e iniziare a fare. 

18.47, Angelo Piovanelli (Albertini): “Dati molto incerti, ma si evidenzia che il movimento Cinque stelle è ormai una realtà con cui dovremo fare i conti. Aspetto i risultati, perché le proiezioni sono sempre inattendibili”.

 

17,55 – Mariastella Gelmini (Pdl): Ci hanno dati per morti troppo presto, ora tutto può succedere… Anche la resurrezione… Unica certezza Monti flop!(COMMENTO POSTATO SU FACEBOOK)

17.44 – Alfredo Bazoli (Pd): “Non è Berlusconi che conquista voti, è il Pd che ne perde tanti (rispetto ai sondaggi)…(COMMENTO POSTATO IN TWITTER)

 

 

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY