Laura Castelletti propone un anno gratis di metropolitana, il Consiglio la boccia

0

(a.c.) Vogliamo che i cittadini bresciani si affezionino alla metropolitana? Regaliamo loro un anno di abbonamento. Questa la proposta avanzata ieri in Consiglio Comunale (leggi la notizia, clicca su questo link) da Laura Castelletti di "Brescia per passione".

Non una provocazione, ma un modo concreto e percorribile, secondo la Castelletti, di promuovere il nuovo servizio, tra l’altro già attuato altrove, a Bologna, seppur solo per gli studenti (moltissimi) che viaggiano sui mezzi pubblici della città. Di quanti soldi si tratterebbe? Secondo Laura Castelletti: "Le entrate tariffarie stimate per il primo anno sono circa 2,6milioni di Euro, le mancate entrate per l’esenzione di 1 abbonamento a famiglia dovrebbero invece essere circa 1/5, circa 500mila euro. Una cifra considerevole, ma non stratosferica. Per farvi un paragone vi dico rimettere il Bigio in piazza Vittoria (questi li spende direttamente BresciaMobilità) ci costerà 460 mila Euro e se per caso i bresciani che utilizzeranno l’abbonamento diventassero anche il doppio (1milione di Euro di mancato introito) basterebbe aggiungere i 442mila Euro usati per smontare e rimontare la pensilina + i 40mila Euro del Teatrino di Largo Formentone. Così, solo per citare esempi che tutti conoscono bene."

La proposta è stata bocciata in Consiglio, ma ha avuto il voto favorevole del Pd e di di Donatella Albini di Sel. La Castelletti non si da’ per vinta, e sui social network è già iniziata la campagna.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Cosa non si fa per avere visibilità! Codesta signora faccia di più: paghi lei l’abbonamento a 100 famiglie per un anno. Della demagogia e della voglia di apparire col denaro altrui di certi politicanti ne abbiamo piene le tasche. Quand’è che la smetterà con i più deleteri comportamenti che furono tipici di certi socialisti?

  2. Dopo essere stata seguace di craxi ora lo diventa di berlusconi. Ma secondo la signora Castelletti chi paga gli abbonamenti "gratis"? Non sarà forse il bilancio comunale, cioè tutti noi? Ma poi scusate, piantiamola anche di noi di dar retta a proposte demagogiche, ignoranti, populiste e irrealizzabili. Lasciamole a Berluschetti e Castelloni.

  3. Ci stupiamo ancora di quanto gli italiani siano vecchi e arretrati!!La Castelletti propone un’iniziativa intelligente e utile e subito la si attacca per il suo passato e si tirano fuori fantasmi del passato…bisognereb be imparare che la vita e le persone vanno avanti…Laura spende il suo tempo con PASSIONE per la città!!!!non lamentatevi!!La società è cambiata e voi siete rimasti indietro!!ho 20 e voi per me avete una mentalità vecchia e oltrepassata!!GRANDE LAURA sempre avanti agli altri!!

  4. mamma mia che idea geniale! siccome non ci siamo indebitati a sufficienza per realizzare ‘sta benedetta metropolitana, diamo il colpo di grazia alle casse comunali. Castelletti, con tutto il rispetto, ma dove vive??

  5. A me sembra davvero un idea geniale e l’ottusità di chi commenta negativamente è davvero palese! Se fossero vostri, i soldi, lo fareste eccome! PErchè meglio spendere 500.000 oggi per far si che i bresciani usino la metropolitana (si chiama investire nel futuro) piuttosto che pagare debiti per sempre perchè non si è stati in grado di farla conoscere ai cittadini! Studiate il caso Copenaghen!

  6. Chi non la pensa come i passionari della poltrona sarebbe ottuso? Credete che i bresciani che ne avessero bisogno non prenderebbero la metropolitana, se la "Ibarruri" della poltrona non riesce nel suo intento di farsi pubblicità, coi soldi di tutti? Questa e’ la considerazione che avete dei concittadini? Vedete di crescere, diventate adulti.

  7. Veda se la Castelletti riesce a farle fare, se possibile gratuitamente, un corso di educazione e uno sull’uso corretto della lingua italiana.

  8. Ma perchè nessuno ricorda ASM ingoiata da A2A ed i circa 60 milioni di € l’anno di dividendi che Brescia riceveva ed ora son spariti? oppure i tanti milioni di € l’anno di debiti e interessi da pagare per oltre 30 anni per il metrò (in totale costato oltre un miliardo di €) oppure i 28 milioni di € che serviranno ogni anno per farlo funzionare? Forse perchè, parafrasando la storiella del dito e della Luna qualcuno nota le migliaia di € ma per cecità dovuta a semplice interesse politico non vede i milioni di €. ……. Comunque ricordiamogli che pure lui li pagherà. Con le tasse aumentate.

  9. Al commentatore/comment atrice che mi risponde scaldandosi tanto e con tanta educazione. Cito dal suo commento "Se fossero vostri, i soldi, lo fareste eccome!" Faremmo che cosa? Regaleremmo gli abbonamenti? A chi? A noi stessi? Quindi praticamente ce li pagheremmo comunque. Aggiungo che, in quanto residenti a Brescia, i soldi per costruire la metro SONO nostri, altro che "se fossero". E i soldi che la signora Castelletti vorrebbe usare per regalare gli abbonamenti di chi sono? Sono anche miei, come degli altri cittadini bresciani, esattamente come quelli usati per pagare la metropolitana. Magari, prima di dare degli ottusi, bisognerebbe controllare se le frasi scritte hanno un senso.

  10. "Studiate il caso Copenaghen!" Eh già scusa, sai siamo paesani (come dimenticare che a Berlino tutti in bike very cool). C’è un problema. Sai chi abita a Copenaghen? Bravo: i Danesi.

  11. Propongo un anno di pasti gratis in un ristorante, a scelta, per un membro di ogni famiglia bresciana, per far scoprire ai cittadini i piaceri della ristorazione. Serve a combattere le difficoltà del settore: una forma di investimento sul futuro per i gestori! O no?

  12. L’unica idea davvero geniale l’ebbe un Vicesindaco di Brescia degli anni ottanta, quello che partorì, convincendo tutti gli amministratori cittadini del tempo, la costruzione di una metropolitana a Brescia. Che si fosse ispirato forse al modello della metro milanese della "Milano da bere" quando poi si scoprì che, molto stranamente, un chilometro costava tre volte lo stesso chilometro di un’altra analoga metropolitana europea ?

  13. 2 premesse: la metro è una porcata, ma ormai grazie agli stolti che non l’hanno contrastata nei due referendum ce la teniamo e tanto vale usarla al massimo; non ho la minima simpatia politica per la signora Castelletti. Detto questo, la fornitura gratuita per tutti del trasporto pubblico, un servizio che nulla ha a che vedere con servizi privati tipo ristoranti o altre cretinate tirate in ballo dai polemisti da bar di turno, può rivelarsi decisiva per rivoluzionare in positivo la qualità della vita dei cittadini e, alla lunga, risparmiare davvero. Certo, il servizio deve essere conveniente, efficiente, capillare e, soprattutto, il suo utilizzo deve essere incentivato da ostacoli insormontabili al trasporto individuale privato. Si tratta di cambiare la mentalità delle persone, fornendo alternative sostenibili e praticabili. Gli esempi non mancano, basta la volontà politica di studiarli ed applicarli.

LEAVE A REPLY