Vito Crimi, il bresciano del Movimento 5 Stelle indicato come capogruppo al Senato

0

Il neoeletto senatore bresciano (solo d’adozione perché è nato e vissuto a Palermo) del M5S Vito Crimi è stato indicato per la nomina a capogruppo del Senato. Una bella soddisfazione per l’assistente giudiziario alla Corte d’appello di Brescia che ha iniziato la sua “carriera” politica pochi anni fa, “partecipando al primo V-Day”. Lui a 40 anni è stato il primo degli eletti in Lombardia nelle politiche del Movimento 5 stelle. Nel video di presentazione per le Parlamentarie tutto il suo curriculum: “ L’incontro con questa banda di matti (Movimento Cinque Stelle) è avvenuta alcuni anni fa, in occasione del primo V-Day. Nessuno, allora, avrebbe immaginato che saremmo arrivati fino a questo punto, che avremmo portato una rivoluzione in questo Paese, che avremmo dato una spallata e una scrollata in modo da scrostare questi partiti che da anni governano questo paese curando più i propri interessi che non quelli dei cittadini”. E ancora: “ Io non ho un curriculum eccezionale: nel mio curriculum non troverete titoli di studio o chissà quali esperienza professionali qualificanti – spiega Crimi – la mia esperienza l’ho fatta sul campo, in questi anni con gli amici del Movimento Cinque Stelle abbiamo fatto una marea di iniziative, formazione e informazione, ma anche la ricchezza delle persone che ho incontrato in questo cammino è stata quella che ha fatto crescere le mie conoscenze e le mie competenze”. Conoscenze e competenze che ora dovrà mettere al servizio del Senato della Repubblica.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Come dire che basta incontrarsi per qualche tempo con un po’ di amici per avere responsabilità di conduzione di un paese come l’Italia. La catastrofe incombe1

  2. come se la gestione passata potesse essere considerata virtuosa…diamogli almeno la possibilità di fare bene prima di predire la catastrofe.

  3. Invece nel suo curriculum dichiara di aver conseguito la maturità "con il massimo dei voti"(pregasi quantificare) poi non si è mai laureato in matematica (bé se non quantifica nemmeno la votazione per la maturità). Nel suo curriculum ha pure fatto parte dei boy-scout (anche il cassiere della defunta Margherita). Sappiamo che in certe zone sono di manica larga con i voti: poi ai test INVALSI il risultato si ribalta. Confessa inoltre di avere un debole per i libri di Ken Follett e Tom Clancy. Lo propongo per il Ministero della Difesa oppure per la presidenza del Copasir….accidenti non può perche è il capogruppo.

  4. La carica di capogruppo scade dopo tre mesi: quindi ce ve ne saranno 4 all’anno? Mi volete spiegare (anche con parole povere) esattamente che tipo di lavoro sia "assistente giudiziario alla Corte d’Appello di Brescia".

  5. Non so proprio prechè, ma sento puzza di politburo, comitato centrale, lider maximo, guida illuminata, insomma…. dittatura pura. Per il bene del popolo, ovviamente

  6. vORREI SAPERE CHE FA E cOME si diventa assistente giudiziario alla Corte d’appello (anche non di Brescia), per indirizzare qualche giovane disoccupato, pure laureato.

  7. Non essondoci ancora stata la proclamazione degli eletti, ed essendo gli stessi non ancora aderenti ad alcun gruppo parlamentare(non essendo n carica) ne deriva che i due capogruppo non lo sono affatto….al massimo è un sondaggio, poi gli aderenti ai gruppi (camera e senato) dovranno rivotare. Mi stupisco che un dipendente statale del Tribunale non lo sappia.

  8. Gli eletti non sono ancora stati proclamati, è vero, quindi non esistono capigruppo. Ma si parla infatti solo di un’ indicazione alla nomina, che per giunta non si sa da chi sia stata data. Certo, forse parlare di competenze maturate non già come amministratori pubblici, ma come organizzatori di eventi può apparire un po’ eccessivo soprattutto se tarsferite a Palazzo Madama. Diciamo che c’è la serietà, l’onestà, l’impegno che di questi tempi non è poco.

  9. Ore 9 di stamattina "Il presidente del consiglio Monti convoca Alfano e Grillo a Palazzo Chigi.."e perchè non anche Aldo,Giovanni e Giacomo?!?!?!

  10. ma anche grillo istituirà il ministero della cultura e propaganda??? vuoi mai che i suoi pupilli (guai a chiamarli grillini) mettano in fila due parole da soli!

  11. Ma avete sentito la conferenza stampa di Crimi dopo la due giorni grillina a Roma…
    Ieri mi è capitato di sentirla a SKY, sono rimasto senza parole. Va bene essere onesti, ma non basta per governare e amministrare un Paese. Quelli di prima facevano schifo ed erano disonesti. Okay, bene gli onesti ma servirebbe che fossero competenti, capaci e con un senso della democrazia parlamentare (in questa i padri costituenti ci hanno messo). Accontentarci del meno peggio di prima è di nuovo scivolare dalla chiana. Ho ci inventiamo qualcosa o con questi qua il botto sarà davvero colossale.
    Per la prima volta ho paura del mio Paese.

  12. Come scout non è che il buon vecchio Vito brillasse, m’immagino come potrà andare al Senato…
    evidentemente l’Italia ha scelto che non c’è soluzione e cerca il colpo di grazia.

  13. Si aspetti che controllino dove ha conseguito la maturità, la votazione, il lavoro dei genitori e parenti più prossimi, come ha vinto il conconrso pubblico, se ha svolto il servizio militare (se sì come e dove), se no perchè, ecc. ecc. Il rendimento sul luogo di lavoro. E’ normale in democrazia che gli eltti vengano controllati. Poi io personalmente rimpiango un vero bresciano come Francesco Tabladini…un vero capogruppo ed un uomo "vero" a prescindere dalle idee politiche.

  14. Crimi non è bresciano: è solo l’ennessimo pacioccoso burocrate meridionale mandato al Nord. Sicuramente è uno che ha vinto alla lotteria con questa storiella delle 5 stelle………….n on durerà.

  15. e’ difficile trovare persone competenti su questo argomento, ma sembra proprio che voi sappiate davvero di cosa state parlando! Grazie

LEAVE A REPLY