Ieri sono esauriti i tagliandi nelle biglietterie automatiche, personale intervenuto per la vendita a mano

0

(a.c.) Il dato complessivo dei viaggiatori che ha sfiorato le 100mila presenze era senz’altro inatteso. Se la massa d’urto è stata ben assorbita dai treni (a parte il guaio di un convoglio verificatosi alle 19:30), diversamente si può dire delle biglietterie automatiche nelle stazioni, che in questa prima settimana di funzionamento hanno fatto un po’ le bizze.

Se durante i giorni feriali hanno funzionato a singhiozzo, e non accettando le banconote ma solo monete e carte di credito o bancomat, ieri i distributori automatici sono rimasti a secco. Non un problema di poco conto visto l’afflusso massiccio di viaggiatori, perdipiù con molte tabaccherie di superficie chiuse in quanto giorno di riposo. Brescia Mobilità è corsa ai ripari mandando nelle stazioni una ventina di steward muniti di rotoloni di tagliandi e con le tasche piene di monetine, che hanno venduto a mano i biglietti. Inevitabile il formarsi di code (in alcuni casi lunghe addirittura una quindicina di metri). Poco male, visto che era domenica e nessuno rischiava di arrivare tardi a lavoro.

Brescia Mobilità ha comunicato che si è trattato semplicemente di un problema causato dal grande afflusso di passeggeri. Problema che non si presenterà durante la settimana. Tra l’altro è possibile intervenire quando un distributore sta esaurendo i biglietti in quanto dalla centrale si può verificare il totale dei tagliandi rimanenti al suo interno.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome