Il candidato sindaco Onofri lancia un appello ai brescani: “Come vorreste vedere Brescia?”

0

(e.b) Il candidato sindaco alla Loggia 2013 Francesco Onofri lancia una nuova sfida ai cittadini bresciani. Sulla sua piattaformacivica.it ha aperto quest’oggi una nuova rubrica dal titolo: Cosa vorrei vedere a Brescia. Il post, che si scriverà un commento alla volta con le intuizioni e i suggerimenti di chi vorrà dare il proprio contributo in modo pubblico e condiviso, sarà una sorta di quaderno di raccolta di “belle idee” per Brescia. Vuoi che il tuo quartiere venga dotato di un nuovo servizio? Desideri che quell’edificio pubblico abbandonato da anni davanti al quale passi tutti i giorni venga destinato ad una funzione assente a Brescia? Hai una particolare soluzione per risolvere il problema del traffico in quella via della città? Altro? Basterà lasciare un commento sotto il post iniziale per collaborare, attraverso proposte e intuizioni, al miglioramento di Brescia. Almeno a quello virtuale. “Il nostro intendimento è così raccogliere qualche idea, qualche visione, qualche intuizione anche piccola ma utile a migliorare la nostra città – si legge su piattaformacivica.it – Raccoglieremo le idee più brillanti e concrete”. Intanto sono arrivati i primi “desideri” espressi dai bresciani: Il Brescia in serie A e Roberto Baggio alla presidenza, ma anche un vero stadio, ristrutturato, una maggior quantità di verde al posto del grigio, più bresciani in bicicletta e meno in automobile, piazzale Arnaldo sgombra dalle impalcature e dai cartelloni pubblicitari che circondano la statua di Arnaldo e i bresciani più coinvolti nella vita pubblica e politica della città. A ciò il candidato Onofri ha aggiunto due richieste: “ Vorrei vedere la torre Tintoretto non abbattuta ma ristrutturata e piena di studenti che vanno in Università in 10 minuti comodi comodi e senza inquinare” e “Vorrei vedere Bicimia (con tante bici) fuori da ogni stazione della Metro anche con biciclette elettriche a noleggio”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ottima idea e ottima sfida. Infatti centinaia di proposte dei cittadini sono già arrivate tramite i banchetti in centro e nei mercati, ma soprattutto on-line sui siti dedicati. Sono stati poi creati gruppi tematici di valutazione e confronto. E alla fine si è scritto il programma, che sarà tra pochi giorni presentato dal candidato Sindaco e dai candidati consiglieri. Già fatto, dal Movimento 5 Stelle…

  2. Della serie "il troppo stroppia". Il Piergi esagera un pochino, ed in totale solitutdine. Sembra un atantino preoccupato dell’ scarso appeal del grilismo a Brescia e cerca di esagerare un tantino. Vediamo con quanti "voti" l’avvocatessa sarà candidata sindaco, visto che già si sa che sarà lei.

  3. Francamente, la parola solitudine la abbinerei a scalate assai più improbabili. Non fosse altro che per uno stile di partecipazione nel M5S assai ampio, ancorchè poco noto ai più, alla costruzione di squadra e programma. La democrazia inclusiva non è uno slogan: partecipare per credere, le porte sono aperte a tutti. In quanto alla esagerazione, magari farintesa per labile euforia, ci risentiamo dopo il ballottagio (in giugno si faccia risentire piergio, mi raccomando…).

  4. "Democrazia inclusiva"? Io non ho potuto votare alle parlamentarie dei grillini perchè non iscritto al loro movimento; mentre se avessi voluto avrei potuto votare alle primarie del PD pur non essendo iscritto a quel partito. Perchè i capo gruppo di camera e senato hanno un mandato a termine e Grillo, che nessuno ha eletto, no? Perchè Grillo decide, come da codice di comportamento, i componenti dei gruppi di comunicazione parlamentare? Perchè non li decide DEMOCRATICAMENTE il movimento?

  5. Perchè Grillo essendo ineleggibile, avendo la fedina penale, e non essendo eletto continua a comandare, imporre comportamenti ed idee?

LEAVE A REPLY