Bonus bebè, risarciti con 27mila euro i ricorrenti

0

A gennaio la sezione Lavoro del Tribunale di Brescia aveva dichiarato «discriminatorio il comportamento del Comune» per la delibera 46 del 30 gennaio 2009, quella con la quale, dopo aver perso in Tribunale, revocava il bonus bebè sia agli italiani sia agli stranieri. La Loggia quindi incassava la sua settima sconfitta. Come riporta il Giornale di Brescia  il giudice ordinava all’Amministrazione «di cessare la condotta discriminatoria", ovvero il provvedimento con il quale la Loggia aveva deciso di versare mille euro a tutti i nuovi nati del 2008, a patto che fossero italiani e figli di genitori di nazionalità italiana. E aveva anche condannato l’Amministrazione a risarcire i quattro ricorrenti stranieri e l’Asgi, l’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, che li affiancava. Risarcimento che, ha annunciato martedì il segretario della Cgil di Brescia, Damiano Galletti, è arrivato sia ai quattro stranieri, 3000 euro ciascuno, che all’Asgi, 15mila euro. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. SEMPRE BUONI A PROTESTARE… IO QUANDO VADO OSPITE DA QUALCUNO SE ANCHE NON MI PIACE LA MINESTRA CHE MI DANNO RINGRAZIO……

  2. Non è questione del gusto della minestra: la questione è che la Costituzione (oltre che le tue radici cristiane) dicono che se si vuole dare la minestra, la si da a tutti. Non si può dare solo a chi ti è simpatico. Sei contento di pagare 27.000 euro di risarcimento, mentre se si facevano le cose come previsto dalle leggi ne avresti pagati di meno? Io non sono contento.

  3. Se avessero dato il bonus subito a tutti, NOI CHE PAGHIAMO avremmo risparmiato!!! Perchè ringrazi la cgil? Ringrazia Paroli e Rolfi!

  4. Perchè secondo te a chi dovrebbero dare il bonus bebè se non a chi fa i figli? O vorresti dare il contributo rottamazione a chi non rottama la macchina? O solo a chi rottama le macchine grigie e non quelle gialle?

LEAVE A REPLY