Cacciatore rifiuta il controllo delle guardie volontarie: condannato

    0
    Bsnews whatsapp

    Un vigile urbano del Comune di Prevalle è stato condannato dal Giudice di pace di Salò per essersi opposto ai controlli delle Guardie Volontarie Venatorie del Wwf e della Lipu. La sentenza è arrivata dopo un lungo excursus giudiziario fatto di querele, controquerele e ricorsi durato circa sei anni. I fatti risalgono al dicembre 2006 quando il vigile urbano – mentre cacciava in compagnia di alcuni amici – fu fermato dalle guardie venatorie volontarie dopo aver abbattuto un uccello appartenente a una specie protetta. Il vigile si oppose con decisione al controllo e a quel punto furono chiamati in causa i carabinieri. Il giudice ha dato torto al vigile condannandolo al pagamento – oltre che delle spese processuali – di 600 euro di multa, di 1.500 euro come risarcimento danni per ognuno dei quattro operatori che si erano costituiti parte civile nel procedimento ed al pagamento delle spese processuali.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    RISPONDI