Punti acqua anche a San Polo, Folzano, Fornaci e Badia: ora in città sono 10

0
Bsnews whatsapp

(a.c.) Con l’istallazione dei nuovi punti acqua di San Polo, di Folzano, delle Fornaci e della Badia arrivano a dieci le fontane di erogazione gratuita di acqua potabile del capoluogo.

Da tempo i residenti dell’hinterland chiedevano di avere lo stesso trattamento di coloro che abitano in città: sono stati accontentati. La Loggia ha deciso infatti di proseguire la collaborazione con AATO per l’installazione delle fontane, uguali nell’estetica e nelle modalità di erogazione dell’acqua in ogni punto della provincia (sono 65 gli impianti funzionanti da un capo all’altro del bresciano).

Acqua naturale a tempetura ambiente, acqua naturale fredda e acqua frizzante: i cittadini delle periferie potranno da oggi in poi evitare di acquistare bottiglie in plastica al supermercato, risparmiano denaro e tutelando l’ambiente. Ogni anno sono infatti circa 1,3milioni le bottiglie in plastica da 1,5 litri che vengono risparmiate, grazie ai 175mila litri di acqua mediamente erogati da ciascuna fontana cittadina. 

Una classifica? La fontana che eroga più acqua è quella di via Tommaseo con 428.700 litri d’acqua prelevati nel corso del 2012; a seguire quella di via Bazoli con 373.800 litri e viale Piave con 373.900 litri, Casazza con 325.600 litri e via Corsica con 266.800 litri.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. ennesimo spreco …l’acqua erogata è la stessa dell’acquedotto che arriva a casa con aggiunta di anidride carbonica x chi la volesse gasata…ma come fa la gente a non capire e far le code x prender le bottiglie???
    Non bastava sistemare le fontanine esistenti??? e poi dovremmo pagar le tasse??

  2. caro ragazzo, magari fanno le code xche’ quei 10 o 20 euro di acqua frizzante presa dal punto acqua,, gli fanno comodo x altro,, la crisi non ha fine e ognuno fa quel che puo’ x risparmiare.

RISPONDI