Scuole superiori di Brescia e provincia protagoniste di un progetto sull’intercultura

0
Bsnews whatsapp

Liceo Scientifico Statale Leonardo di Brescia, IPSIA Moretto di Brescia, Liceo Bagatta di Desenzano del Garda, IPS G. Falcone di Palazzolo sull’Oglio, IIS C. Marzoli di Palazzolo sull’Oglio, IIS L. Gigli di Rovato, IIS V. Capirola di Leno: sono i sette Istituti Scolastici Secondari di II grado di Brescia e Provincia che partecipano al contest “La città del futuro”, lanciato con il sostegno di UBI Banca nell’ambito del progetto L/HUB – Conoscere la realtà dell’intercultura. La gara è aperta a tutti i ragazzi iscritti agli Istituti Superiori che partecipano al progetto, prevede la partecipazione in gruppo (massimo 15 ragazzi) o singolarmente, e premia non solo gli studenti, ma anche le scuole.

 

Dopo una serie di incontri tenuti nelle scuole superiori di Brescia e provincia, durante i quali i giovani testimonial di L/HUB hanno presentato il progetto contestualizzandolo all’interno di un più ampio dibattito dedicato all’intercultura e alla realtà delle comunità straniere residenti sul nostro territorio, le scuole aderenti al progetto (sopra citate) diventano protagoniste. Gli studenti che accettano di partecipare al contest ‘La città del futuro’, ripenseranno alla città e ai suoi spazi, ma soprattutto rifletteranno sulla società di domani, sempre più proiettata in direzione multiculturale. Lo faranno attraverso le arti e la creatività: il contest prevede infatti la produzione di un contenuto creativo originale, realizzato attraverso qualsiasi tipo di linguaggio e forma artistica o espressiva. Il termine per presentare domanda di iscrizione al contest è il 15 aprile, mentre i progetti andranno inviati entro il 15 maggio 2013 (per informazioni: info@lhub.it).

“La città del futuro” è il primo contest proposto nell’ambito dell’iniziativa L/HUB – Conoscere la realtà dell’Intercultura (www.lhub.it), un progetto multidisciplinare ideato dall’Associazione Culturale Eclettica&Media di Milano che, dal 2004, realizza progetti culturali al fine di promuovere il dialogo interculturale e diffondere una migliore conoscenza delle culture straniere, con particolare riferimento a quelle extraeuropee dell’area Mediterranea e dell’Oriente.

Realizzato con il patrocinio della Regione Lombardia e dell’Istituto Scolastico Regionale della Lombardia, il progetto – il cui nome L/HUB nasce dal gioco di parole tra ‘hub’, come punto di convergenza e ‘lab’ come laboratorio di sperimentazione – si propone di stimolare processi di educazione interculturale e il racconto diretto della multiculturalità in scuole che sono già un melting pot dell’Italia che verrà. Gli strumenti di L/HUB sono: moduli formativi per studenti e insegnanti, incontri, contest e l’uso delle nuove tecnologie e del web 2.0.

 

Parte integrante del progetto è infatti la piattaforma multimediale L/HUB (http://laboratorio-lhub.ning.com), il primo social network dedicato all’intercultura e aperto a tutti gli interessati. Pensato come piazza virtuale e luogo privilegiato di condivisione, il social si rivolge naturalmente agli studenti e alle scuole partecipanti al progetto, per cui esso rappresenta anche un’importante occasione di visibilità e valorizzazione di quanto già realizzato su tematiche interculturali. Sul social L/HUB vengono pubblicati i materiali inviati dalle scuole: sia i progetti già realizzati che quindi potranno essere condivisi in rete grazie anche ad un sistema di pubblicazione integrato con altri social network (facebook, twitter, Google+…etc.), sia i progetti creativi prodotti dagli studenti che partecipano ai contest di L/HUB.

 

L’iscrizione al progetto L/HUB – Conoscere la realtà dell’intercultura è gratuita, così come quella al social L/HUB (http://laboratorio-lhub.ning.com). 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI