200 pendolari in protesta sui binari per i vagoni mancanti di un treno diretto a Cremona

0

(a.c.) Dopo una giornata di lavoro o di lezioni all’università, 200 pendolari diretti a Cremona ieri erano in attesa del treno delle 17:15. La brutta sorpresa dietro la locomotiva: un solo vagone attaccato.

Comprensibile lo sconforto dei viaggiatori, che evidentemente non ci sarebbero mai stati su un solo vagone: presto si sono coordinati spontaneamente per esercitare una protesta pacifica stazionando sui binari in attesa di risposte da parte di Trenord. Risposte che non si sono fatte attendere: dopo circa tre quarti d’ora è entrato in stazione un nuovo treno, questa volta con un numero di carrozze sufficiente, che poi è partito alla volta di Cremona.

Le lamentele dei pendolari sono ormai perenni: treni in cattive condizioni, convogli sempre insufficienti (e quindi interi viaggi in piedi, o seduti per terra o peggio nei bagni) e ritardi. Il tutto per un abbonamento annuo Brescia-Cremona che costa la bellezza di 790 euro.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome