Metrobus di Brescia, in un mese un milione di passeggeri

0
Bsnews whatsapp

Un milione di passeggeri in trenta giorni di servizio. Sono questi i numeri della metropolitana di Brescia, partita il 2 marzo scorso. Un mese durante il quale la media giornaliera si è aggirata attorno ai 30mila utenti. Un bel successo, trainato certo dal boom della prima settimana (solo nel primo week end gratuito i passeggeri hanno superato quota 250 mila), ma confermato anche nelle tre settimane successiva. In leggero calo sono nei giorni scorsi, ma le scuole chiuse per le vacanze pasquali hanno un grosso peso sulla molte di passeggeri, come confermato anche dal neoassessore alla Mobilità del Comune di Brescia Nicola Gallizioli che al Corsera di Brescia ha dichiarato: “Siamo andati anche oltre le più rosee aspettative -. Quello che più mi ha impressionato è il numero elevato di studenti e giovani che utilizzano la metropolitana. Nei prossimi giorni tracceremo un bilancio preciso dei risultati del primo mese, cercando di capire i titoli di viaggio utilizzati, quanti biglietti e abbonamenti, e la possibile ricaduta economica”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Con questi numeri, è possibile fare un primo bilancio dei costi – benefici dell’opera? Altrimenti i numeri così non dicono nulla. Non vi pare?

  2. Se gli utenti principali del metrobus sono studenti e giovani, vuol dire che il suo principale scopo, la riduzione del traffico in superficie, risulta assolutamente trascurabile. Inoltre se togliamo le presenze del primo week dove la metro è stata usata come giostra, la media giornaliera si attesta sui 25mila utenti. Gallizioli, benvenuto nel club degli "impressionati& quot;.

  3. Con questi numeri (media giornaliera di 30.000 utenti) sarebbe stato sufficente realizzare una linea tranviaria anziché una metropolitana, con questi vantaggi: 1) notevole riduzione dei costi e dei tempi di costruzione; 2) riduzione del caotico, inquinante e rumoroso traffico privato dalle strade cittadine interessate dalla linea tranviaria; 3) riqualificazione ambientale delle strade interessate; 4) massima praticità nell’utilizzo da parte dell’utenza. Quanto affermato è verificabile, per esempio, in numerose città francesi e nord americane dove linee tranviarie moderne sono state realizzate ex novo in questi ultimi anni.Con questi numeri (media giornaliera di 30.000 utenti) sarebbe stato sufficente realizzare una linea tranviaria anziché una metropolitana, con questi vantaggi: 1) notevole riduzione dei costi e dei tempi di costruzione; 2) riduzione del caotico, inquinante e rumoroso traffico privato dalle strade cittadine interessate dalla linea tranviaria; 3) riqualificazione ambientale delle strade interessate; 4) massima praticità nell’utilizzo da parte dell’utenza. Quanto affermato è verificabile, per esempio, in numerose città francesi e nord americane dove linee tranviarie moderne sono state realizzate ex novo in questi ultimi anni.

  4. un milione in un mese fa 30mila al giorno, le prime 2 settimane la metro è stata sovrautilizzata da pensionati e mamme curiose, quindi, si potrebbe sapere il vero numero di passeggeri x il modesto costo di 8mila euro a abitante?

RISPONDI