Gli agrumi del Garda bresciano, un patrimonio da salvare

0

Sempre più rari, sempre più preziosi: i giardini di limoni, simbolo  della costa bresciana del Benaco, sono oggi un patrimonio da tutelare.  Per conoscerlo e capire come ripristinarlo il Comune di Salò e il GAL  Garda Valsabbia promuovono l’incontro "Gli agrumi del Garda Bresciano" che si terrà il 4 aprile alle 21 nella Sala dei Provveditori del  Municipio, Lungolago Zanardelli 55. Le limonaie del Garda rappresentarono una soluzione unica di  orticultura: la Riviera, a quasi 46° di latitudine, è stata per secoli  la località con coltivazione intensiva più settentrionale nel mondo,  oggetto di interesse e studi. Un "miracolo" reso possibile  dall’abilità dei costruttori nello scegliere il posto giusto: la  distanza dal lago, la barriera di alti cipressi usati come riparo dai  venti freddi, l’abbondanza di corsi d’acqua, le pareti rocciose alle spalle, adatte come protezione e serbatoio di calore. Tutto questo  verrà raccontato dalla prof.ssa Leila Losi, fra i massimi esperti del  tema, che sarà presente all’incontro per illustrare il suo libro ‘I  giardini di limoni del Lago di Garda dal passato al presente’ e  spiegare come sia oggi possibile preservare e tramandare questa  produzione territoriale, seguendo le indicazione dettate  dall’esperienza e dall’uso.L’agronomo Tiziano Giacomini relazionerà invece sulle sue ricerche per  ridar vita alle specie autoctone di agrumi del Garda, in particolare  il Cedro di Salò. Studi approfonditi che si concentrano sulla  selezione di piante con fini non esclusivamente storico-culturali, ma  anche di ripristino della biodiversità e di un potenziale rilancio  economico. L’incontro salodiano è infatti il secondo appuntamento del  ciclo ‘Paesaggi rurali, paesaggi produttivi’ promosso nell’ambito del  progetto di cooperazione Landsare.Il ciclo di incontri e la serata del 4 aprile sono promossi  dall’Assessorato all’Ambiente ed Ecologia retto da Aurelio Nastuzzo,  dal GAL Garda-ValSabbia e dal Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo  rurale

Comments

comments

LEAVE A REPLY