Le dracme in argento di Manerbio: nuove tecnologie per reperti antichi

0
Bsnews whatsapp

L’ultimo appuntamento del ciclo “Intorno al Museo. Intuizioni ricerche, scoperte” parte da una semplice riflessione: che cosa hanno in comune 4194 piccole monete celtiche in argento e la luce del Sincrotrone di Trieste?
Apparentemente nulla, eppure l’incontro di queste due realtà è avvenuto, stimolato da un lato dall’esigenza del Museo di Santa Giulia di dover inventariare i piccoli reperti del II secolo a. C. con un metodo non troppo invasivo, dall’altro dalla ricerca del Sincrotrone di Trieste per altri impieghi delle tecnologie che all’interno delle sue strutture si vanno compiendo. Nuove frontiere non solo per la siglatura dei reperti museali, ma anche per l’apposizione di marchi anticontraffazione invisibili sulle opere d’arte.

Giovedì 4 aprile, ore 17.00
Sala conferenze del Museo di Santa Giulia, via Piamarta 4

Relatori saranno Francesca Morandini, Responsabile del Sevizio Collezioni e Aree Archeologiche del Comune di Brescia e Marco Peloi, Ingegnere di Sincrotrone di Trieste.

Ingresso gratuito
fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per informazioni
CUP Museo di Santa Giulia
030.2977833-834
santagiulia@bresciamusei.com

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI