Spadacini (Sel) risponde a Rolfi: “Prima di nuove opere, pensiamo a curare i “malanni” del nostro ambiente”

0

Tram Castegnato-Brescia o bonifica Caffaro? Uno esclude l’altro? Cosa è prioritario? Si infiamma la discussione dopo che Legambiente aveva accusato i sostenitori del progetto tram-treno di gettare via soldi utili invece alla bonifica. A questa accusa il neo consigliere regionale Rolfi aveva risposto che la mobilità sostenibile era proprio la soluzione ad un problema di tipo ambientale. Interviene ora anche il Coordinatore di Sinistra Ecologia e Libertà Valle Camonica Daniel Spadacini che si schiera a favore della posizione di Legambiente.

 

DI SEGUITO IL COMUNICATO INTEGRALE:

"Le priorità di Rolfi verso il territorio bresciano prediligono l’espansione metro alla bonifica del Caffaro ? Viviamo in una società inondata di pcb, diossine, polveri sottili, il tutto grazie ad uno sviluppo che ha sempre visto l’ambiente come un contorno non necessario. Ma nonostante tutte le varie bombe ecologiche sparse per il bresciano, la politica sembra disinteressarsi della cosa e sponsorizza a gran voce nuovi progetti che nulla hanno a che vedere con l’ambiente e la salute.Mi chiedo se prima dell’espansione della metropolitana a Castegnato, l’assessore Rolfi intenda costruire un sarcofago modello Chernobyl intorno al Caffaro. L’attacco lanciato verso legambiente di una strumentalizzazione politica della situazione del Caffaro è a dir poco allucinante; ma forse la salute dei cittadini bresciani è cosa di poco conto agli occhi dell’assessore leghista.Prima di pensare alla costruzione di nuove opere, pensiamo a ripristinare quelle già presenti sul territorio, pensiamo a curare i "malanni" del nostro ambiente, pensiamo alla salute delle persone che vivono intorno a siti inquinati in cui i bambini non possono neanche giocare in un prato!

Comments

comments

LEAVE A REPLY