Caffaro, le proposte dell’ambientalista Marino Ruzzenenti ai candidati sindaco. Fenaroli: piena condivisione

0

Un enorme museo per ricordare i disastri ambientali compiuti dall’industrializzazione del ‘900, Caffaro compresa. Lancia l’idea l’ambientalista Marino Ruzzenenti che scrive una lettera aperta a tutti i candidati sindaco del Comune di Brescia per indicare alcune vie da percorrere per la bonifica dei territori contaminati. La priorità è un programma generale di bonifica che restituisca il territorio alla città. Ruzzenenti propone anche la creazione di un gruppo di lavoro permanente e invita l’Asl a «tornare a occuparsi” del sito con progetti mirati.  Il primo a rispondere è il candidato Fenaroli che scrive: "Ho ricevuto la proposta che Marino Ruzzenenti ha inviato ai candidati sindaco per Brescia, nella quale chiede un impegno politico unitario per affrontare la questione Caffaro. Ha ragione Ruzzenenti, al quale va la mia stima per il contributo che sta dando per il bene della città: l’impegno e la modalità per la bonifica deve vedere tutte le forze politiche concordi sul da farsi ed è impegno che dovrà saper durare a lungo nel tempo. Il percorso indicato da Marino Ruzzenenti è secondo me il più efficace ed il più realistico, perché mette il tema della bonifica su un binario autonomo e preventivamente condiviso da tutti, ponendo così la grande impresa della bonifica al riparo dalle vicende quotidiane della politica. Questo percorso presuppone una disponibilità generale, che io do fin da subito, a percorrere insieme una strada che non sarà né facile, né breve, ma che dovrà conseguire i risultati che i cittadini si aspettano, o meglio, pretendono".

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Occorre grillo per smuovere l’opinione pubblica sulla separazione della politica dagli interessi dei cittadini così come occorre ruzzanenti e jacona per smuovere brescia dal torpore autolesionista sul problema caffaro ed inquinamento tutto.
    Ma i partiti non erano al servizio dei cittadini… o no?
    Ma i sindaci corsini e paroli non erano i responsabili diretti della salute dei bresciani…. o no?
    Affari e servilismo sono le lineee guida dei partiti della democrazia(?) rappresentativa…o no ?
    Balbettii infantili ad autodifesa fanno piangere.

LEAVE A REPLY