Progetto Nati per Leggere, Razzi: Brescia modello per l’Italia

0
Silvia Razzi
Silvia Razzi

A poco più di dieci anni dalla prima adesione della Provincia di Brescia al progetto nazionale Nati per Leggere, l’Assessore provinciale alla Cultura e al Turismo Silvia Razzi ha oggi presentato le ultime novità dell’iniziativa Comunicare Nati per Leggere.

“Come per la maggior parte dei servizi di pubblica lettura che hanno fatto del modello provinciale bresciano uno dei più importanti in Italia – ha sottolineato l’Assessore Razzi – anche in questo caso la Provincia di Brescia ha svolto un ruolo fondamentale dietro le quinte, promuovendo lo spirito della proposta internazionale di NPL con il sostegno alle biblioteche, all’ambito pediatrico e agli operatori della prima infanzia. Per Nati per Leggere a Brescia la Provincia ha investito nel tempo oltre 100.000,00 euro coinvolgendo le figure professionali più competenti di rilevanza nazionale”.

NPL a Brescia è sostanzialmente un’ attività di collaborazione tra pediatri e bibliotecari, funzionale a promuovere la lettura dei genitori ad alta voce verso i propri figli sin dai primissimi mesi di vita. Il progetto si basa su studi psicopedagogici che dimostrano l’importanza della lettura ad alta voce come veicolo affettivo e di stimolo cognitivo e linguistico nel rapporto genitore-figlio.

Con il progetto Comunicare NPL, finanziato dalla Regione Lombardia , si vogliono in particolare comunicare alle famiglie i benefici della lettura in età prescolare e le opportunità offerte dalle biblioteche pubbliche in questo senso, mediante la realizzazione di un’ apposita brochure, di un video accattivante e la messa a disposizione di pieghevoli illustrativi nelle lingue più diffuse in Lombardia,

“La centralità dell’alleanza tra bibliotecari e addetti alla prima infanzia – ha affermato ancora l’assessore Razzi – si è dimostrata assolutamente vincente per la comunicazione tra le istituzioni pubbliche e le famiglie, nella necessità di fare di più per la lettura a partire dall’età prescolare”

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY