60.000 enoappassionati hanno visitato l’Area Franciacorta: elevato l’interesse da Asia e Oriente

0

“Anche quest’anno Franciacorta ha superato le aspettative facendo registrare un incremento del 20% nel numero di visitatori, stimati in circa 60 mila. Un dato che ci riempie di soddisfazione per l’amicizia dimostrata da operatori e appassionati ma che, considerati i disagi dovuti a tale imponente flusso, sottolinea l’inadeguatezza del nostro posizionamento nel Palaexpo, troppo stretto rispetto alle esigenze da noi più volte evidenziate”. Questi sono i primi commenti di Maurizio Zanella, presidente del Consorzio Franciacorta, al termine della 47° edizione di Vinitaly, che ha visto il Franciacorta protagonista indiscusso tra i vini lombardi.

Positivi, nel complesso, i commenti delle 66 cantine presenti sia per i numerosi operatori italiani incontrati, sia per i contatti con nuovi operatori cinesi e giapponesi, oltre che
russi e brasiliani.

“La crescita dell’interesse da parte degli operatori stranieri – aggiunge Maurizio Zanella – conferma la bontà della politica di sviluppo che stiamo promuovendo sul mercato USA, in Germania, in Svizzera, nel Regno Unito e in Giappone, con l’ambizione di riuscire nei prossimi anni a far entrare il Franciacorta nel cuore e nelle migliori consuetudini di un pubblico sempre più esperto e attento alla qualità, in tutto il mondo”.

Numerose le visite ‘eccellenti’: dal governatore della Regione Lombardia Roberto Maroni e l’assessore all’Agricoltura regionale Gianni Fava, a imprenditori del calibro di Ferruccio Ferragamo, Riccardo Illy e Oliviero Toscani, che hanno inaugurato il “salotto” Franciacorta, per passare ad una delegazione del governo cinese in visita con importanti buyer interessati alla Franciacorta.

La sala degustazione, allestita nello spazio Franciacorta, è stata teatro di apprezzati incontri e wine tasting per operatori, giornalisti e critici, organizzati sia dal Consorzio sia dalle singole aziende che hanno visto protagonisti gli Chef franciacortini Stefano Cerveni del Ristorante stellato ‘Due Colombe’ e Vittorio Fusari del Ristorante ‘Dispensa Pani e Vini’ insieme al miglior sommelier AIS d’Italia 2010, Nicola Bonera, uno dei maggiori conoscitori di Franciacorta.

“Il bilancio, quindi, complessivamente si chiude in positivo – conclude Maurizio Zanella. Nota dolente, ribadisco, la mancanza di spazio. Purtroppo, l’area espositiva del Franciacorta non è ancora sufficientemente rappresentativa della qualità espressa dal nostro vino e dalla nostra realtà. Una situazione da risolvere per le prossime edizioni”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY