Da Rezzato al Cavalierato, una biografia piena di successi

0
ECONOMIA A BRESCIA - Marco Bonometti (ex presidente di Aib e patron di Omr) - diritti Andrea Tortelli
Bsnews whatsapp

Marco Bonometti è un bresciano doc. Uno di quelli che, se gli domandi cosa ha fatto nella vita, ti risponde senza imbarazzo: “Ho lavorato, e basta”. Nato a Brescia il 6 settembre del 1954, il presidente di Omr si è laureato in Ingegneria meccanica al Politecnico di Milano. E già da giovane ha dovuto prendere in mano le redini dell’azienda di famiglia – fondata dai fratelli Tirini nel 1919 – a causa della prematura morte del padre, scomparso quando aveva soltanto 23 anni. Nell’arco dei decenni, i fatturati delle sue Officine Meccaniche Rezzatesi – che producono componentistica per autoveicoli e riforniscono la Ferrari dal 1978 – sono passati velocemente da poche centinaia di migliaia di vecchie lire  a oltre mezzo miliardo di euro. Oggi le sue aziende danno lavoro a quasi 3mila famiglie e contano dodici stabilimenti in tutto il mondo, di cui quattro tra Marocco, Brasile, India e Cina.

Ma Marco Bonometti – con il successo mondiale – non ha perso l’amore e la gratitudine per la terra che gli ha dato i natali. Né  ha ceduto alla tentazione di portare tutto in qualche paese emergente, dove tasse e vincoli burocratici sono decisamente inferiori. Anzi: l’imprenditore ha recentemente investito ben 40 milioni di euro nella sua Rezzato. Perché all’Italia Bonometti ci crede ancora. “Ma all’Italia dell’economia reale”, precisa subito, “non a quella della finanza o agli astrologi delle agenzie di rating”.

L’elenco degli incarichi e dei consigli di cui Bonometti è stato parte è lunghissimo. E comprende, tra l’altro, Camera di Commercio, Pro-Brixia, In.Tec., Finlombarda, Museo Mille Miglia, Fondazione Comunità Bresciana, Csmt, Villa Gemma Spa, Dominato Leonense e Coxa Spa. In Aib è stato presidente del gruppo giovani dal 1985 al 1988 e vicepresidente dell’associazione dal 1991 al 1993. Dal 2009 è presidente di Banca Santa Giulia. Dal 2011 è anche uno dei principali sostenitori della società di pallanuoto An Brescia, sua grande passione. Un curriculum lunghissimo, che lo scorso maggio lo ha portato a essere insignito dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Onore al merito di un mio grande ”compaesano”. Per inciso: suo padre ed il mio erano amici. Non posso che gioire dei successi di un grande, generoso, imprenditore.

RISPONDI