Bigio: Paroli lo mette in stand-by fino a dopo le elezioni

0

Il Bigio non tornerà in piazza Vittoria. Non subito almeno e non prima che Brescia elegga il suo nuovo sindaco. Poi si potrà riaprire la discussione e decidere il da farsi. Lo ha deciso l’attuale sindaco Adriano Paroli: “Ho voluto ascoltare preoccupazioni che non mi appartengono, ma delle quali ho voluto farmi carico”. Il sindaco ha anche voluto rassicurare gli esponenti dell’Anpi sul riposizionamento del Bigio, “che non rappresenta certo un ritorno al passato. Il Fascismo è da condannare in ogni caso. Il ritorno del Bigio fa parte di un progetto più ampio di riqualificazione di piazza Vittoria”. Una mossa, quella di Paroli, strettamente legata alla campagna elettorale per la prossima poltrona di sindaco di Brescia: “ non voglio che la campagna elettorale ruoti tutta intorno alla questione del Bigio. Dunque se ne riparlerà dopo l’elezione del nuovo sindaco”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Se ne riparlerà ? Ma come siamo messi, ad oggi, in quanto ad esborsi già sostenuti per la ricollocazione ? Meglio saperlo subito, caro Sindaco, perchè sono i cittadini a decidere di cosa si parla o non si parla in campagna elettorale.

  2. Che fosse una cosa obbrobriosa e fascistoide era risaputo. Nonostante ciò hanno voluto ugualmente spendere un mare di soldi per il restauro ed il basamento. Io adesso, li metterei in conto al sindaco ed ai suoi commilitoni nostalgici.

  3. Io ero e sono contrario al riposizionamento del Bigio … ma la decisione del sindaco evidenzia una codardia vergognosa. Non può ora dire che si tratta di una questione di rispetto sospendere quando la sua maggioranza ha poche settimane fa respinto la mozione che chiedeva di fermare l’operazione. Ennesima pessima figura … Giustamente l’unica opera realizzata da questa amministrazione rimane il Teatro delle Marionette sotto la ex pensilina … esemplare!!!

  4. Direi che boh ha ragione, questa amministrazione non ha terminato e avviato la metropolitana, non ha risistemato il capitolium e Santa Giula tanto da farli inserire nel patrimonio dell’unesco, non ha fatto il nuovo parcheggio alla caserma Goito, non ha concluso il parcheggio di piazzale Arnaldo, non ha pedonalizzato tutto il centro storico (mai fatto neppure quando al governo della città c’erano i verdi), non ha rilanciato il teatro grande… di cose fatte rispetto a una normale legislatura ce ne sono una infinità. Certo che chi vuole Del Bono pensa che sia meglio continuare con la vecchia politica tipo regalare A2a ai milanesi, o rimettere il Bigio in Piazza. Si proprio questo dato che il progetto è stato voluto nel 2007 da Corsini. Basta Bugie e demagogia serve serietà e verità. Per questo Paroli anche questa volta avrà vita facile.

LEAVE A REPLY