Chiazza nel Sebino, proseguono le analisi delle acque, metre si scopre che la stazione galleggiante è fuori uso

0
Bsnews whatsapp

Per ora sono poche le certezze, una di queste è che l’enorme chiazza giallo-sossa galleggiante sulle acque del Sebino non sarebbe dovuta a fenomeni naturali, e non conterrebbe alghe o altri vegetali. L’altra certezza è che non si potranno ricavare dati utili alle indagini dalla stazione galleggiante di rilevamento, visto che si è scoperto essere fuori uso.

A distanza di ormai quasi una settimana dall’episodio di sabato scorso che, all’altezza di Pisogne, ha fatto confluire nel Sebino un liquido galleggiante che non accenna a dileguarsi (leggi la notizia), proseguono a ritmo serrato le indagini, e insieme monta la polemica da parte di Legambiente e di quanti hanno a cuore il lago. A fugare i dubbi circa la possibilità che la macchia sia dovuta semplicemente ad una fioritura algale (fenomeno non nuovo sul Sebino) ci ha pensato l’Arpa di Brescia. 

Da parte di Legambiente, il presidente del circolo Basso Sebino, Dario Balotta, ha nel frattempo confermato la decisione di costituirsi parte offesa nel procedimento presso la Procura di Brescia. Nel ribadirlo ha pure richiamato a gran voce l’importanza per il lago che venga ripristinato il servizio della motovedetta, deterrente importante per episodi di inquinamento doloso come quello che si è verificato sabato.
(a.c.)

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. E’ ora di ripagare il lago per gli introiti annui garantiti alla provincia e alle comunità rivierasche e reinvestire parte delle entrate per garantire la pulizia delle acque del Sebino con nuovi, più numerosi ed efficienti impianti di depurazione. Questo paese deve imparare a investir
    e con maggiore convinzione e soprattutto meglio sul suo patrimonio paesaggistico-ambien tale, che è -dovrebbe essere – la sua prima e fonte di
    ricchezza!

RISPONDI