Il Pirellone approva la mozione del Carroccio contro i tagli ai tribunali lombardi

0
Bsnews whatsapp

Passa a larga maggioranza la mozione della Lega Nord, che vedeva tra i primi firmatari la camuna Donatella Martinazzoli, con cui il consiglio regionale ha invitato il Presidente Maroni e la sua Giunta ad intervenire rapidamente presso il Ministero della Giustizia, il Consiglio superiore della Magistratura e ogni altra sede idonea affinché venga riformulato ogni provvedimento di revisione della geografia giudiziaria che coinvolge, con numerosi effetti negativi, i cittadini, le imprese, gli operatori del diritto e lo stesso personale dei 3 tribunali Lombardi, delle 18 sezioni distaccate (tra cui anche quelle di Breno e Salò), delle 3 procure e dei 45 uffici del giudice di pace, di cui ben 11 nel bresciano (Breno, Chiari, Gardone Val Trompia, Iseo, Lonato, Montichiari, Orzinuovi, Rovato, Salò, Verolanuova) a rischio chiusura a seguito dei tagli previsti dal governo Monti. Nel suo intervento nell’aula del Pirellone Donatella Martinazzoli ha in particolar modo sottolineato l’importanza per la Valle Camonica della sezione di Breno, facendosi portavoce delle istanze espresse nelle scorse settimane dall’Associazione Avvocati Camuni, dall’ANFFAS e dagli amministratori locali. L’esponente del Carroccio ha evidenziato poi come la sezione camuna sia un chiaro esempio di efficienza del sistema giudiziario lombardo, un sistema che il carroccio chiede di tutelare per prevenire ripercussioni negative sui territori interessati e sui cittadini residenti nei bacini di competenza delle strutture a rischio chiusura.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI