Governo Letta, Girelli (Pd): irresponsabile chi all’interno del Pd non lo sostiene

0
Bsnews whatsapp

"La proposta di Governo di Enrico Letta è la risposta possibile all’emergenza politico-istituzionale e socio-economica dell’Italia". Così il Consigliere regionale Girelli (Pd) commenta il nuovo ruolo di Letta, definendolo un uomo giovane ma di esperienza che sarà in grado di dare una svolta alla politica italiana.

DI SEGUITO IL COMUNICATO INTEGRALE

"È indispensabile ora avviare un’azione di riforme istituzionale e di rilancio dell’economia che faccia tornare l’Italia la grande potenza economica che è stata fino a poco fa. Letta rappresenta un cambio generazionale dove una indiscussa esperienza si coniuga con capacità  e voglia di innovazione. Il successo del suo tentativo- trovo irresponsabile chi anche all’interno del PD non accordasse la fiducia al suo Esecutivo- potrà rappresentare un punto di svolta per la politica italiana, migliorando il centro destra, connotando finalmente il centrosinistra come una forza realmente riformista e rispondendo alla protesta di tante/i cittadine/i verso la politica e le  istituzioni. Significa anche la fine di una politica urlata  contro l’avversario, tesa solo a delegittimare e a introdurre una crescente frattura nella società italiana. All’amico  Enrico Letta un sincero bocca al lupo e una grande aspettativa riguardo i temi "lombardi" lavoro, economia, infrastrutture ed Expo, evento da Lui fortemente voluto da sottosegretario alla Presidenza del Consiglio."

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. La fine di una politica urlata contro l’avversario ? Oh, finalmente quando incontrano i berluscones i piddini possono metter loro una mano sulla spalla come ha fatto Bersani con Alfano e ringarziarli per essersi così ben spesi per le buoni sorti del Paese. Si erano già allenati, peraltro, nell’anno e mezzo del Governo Monti quando c’erano da falcidiare pensionati e dipendenti: tutta roba da condividere e votare, come puntualmente accaduto. Basta guerra a Roma, ma a Milano e a Brescia no: lì, avversari feroci e coltellate politiche a tutto spiano. Con un tasso di credibilità che cresce giorno dopo giorno in nome della svolta alla politica italiana…

  2. Io,che ho votato il centrosinistra e mi sento molto ma molto deluso da come sta per concludersi questa vicenda,VOGLIO SAPERE i nomi di chi,del PD,non ha votato Romano Prodi.Se volete riprendervi un pò di credibilità,chi ha commesso quella boiata pazzesca ,se ne deve,prima di andarsene a casa,prendere la responsabilità.Non si prendono in giro così gli elettori!!!!

  3. tranquillo Girelli , anche i 100 falchi del PD voteranno compatti la fiducia …venissero espulsi sarebbe troppo rischioso perdere lo stipendio e la pensione , in caso di elezioni non ci sarebbe posto per tutti in altri partiti .

RISPONDI