Aperitivo alla Pallata per parlare del futuro di Brescia: incontro con Del Bono

0
Bsnews whatsapp

Continua la campagna del candidato sindaco per il Pd Emilio Del Bono. Il prossimo appuntamento nella sua agenda elettorale si terrà sotto la torre della Pallata venerdì 3 maggio, a partire dalle 19. Il Comitato informa che la sede elettorale per l’occasione resterà aperta fino a tardi a disposizione di chi desiderasse del materiale informativo. Alla serata saranno presenti Emilio Del Bono e i candidati delle liste che lo sostengono. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Il futuro di Brescia non lo possiamo conoscere, in compenso conosciamo già il futuro di Emilio: cinque anni di opposizione, a Paroli se il ballottaggio sarà fra PDL e PD-L, a Onofri se il ballottaggio sarà fra PDL e Piattaforma Civica.

  2. Stupisce che ci sia in circolazione qualcuno che pensa davvero ad un ballottaggio fra Onofri e qualcun’altro. Comunque, nel caso di Del Bono contro Onofri, sarebbe un ballottaggio…inces tuoso venendo il babbo e lo zio di Francesco Sindaco dalla più gloriosa, storica tradizione democristiana, quella DC di cui Emilio Del Bono fu l’ultimo segretario provinciale, prima che Martinazzoli sciogliesse la DC e desse vita al PPI. Nel caso di Paroli contro Onfri, idem come sopra venendo Paroli dalla cordata sempre democristiana Prandini-Conti-ciell ini (in Lista c’è non a caso la Peroni, allora braccio destro e factotum con Galperti, oggi PD, di Prandini) che si contrapponeva a quella basisti-Martinazzoli . Scusate, ma, di grazia, di quale cambiamento futuro state parlando tutti quanti a Brescia ? Parlate di alternativa nel solco della tradizione, così almeno siete coerenti e seri…

  3. Caro piergi ci spiega gentilmente cos’hanno in comune Francesco e i suoi parenti da lei citati? Se Francesco volesse proseguire nel solco della loro tradizione sarebbe candidato per il PD con il suo posto comodo, invece ha preso una decisione forte e di rottura e s’è smarcato in modo netto da quel partito con cui non ha mai avuto niente a che fare. E se lei invece di rimenare ogni volta la storiella del "figlio di" e quella dell’apparentamento con una parte al ballottagio e parlasse invece del programma e se non le piacesse criticasse quello, penso che sarebbe un dibattito più costruttivo. Buona giornataCaro piergi ci spiega gentilmente cos’hanno in comune Francesco e i suoi parenti da lei citati? Se Francesco volesse proseguire nel solco della loro tradizione sarebbe candidato per il PD con il suo posto comodo, invece ha preso una decisione forte e di rottura e s’è smarcato in modo netto da quel partito con cui non ha mai avuto niente a che fare. E se lei invece di rimenare ogni volta la storiella del "figlio di" e quella dell’apparentamento con una parte al ballottagio e parlasse invece del programma e se non le piacesse criticasse quello, penso che sarebbe un dibattito più costruttivo. Buona giornata

RISPONDI