Paola Vilardi, ecco perchè mi ricandido al fianco di Paroli

8
Paola Vilardi, Brescia
Paola Vilardi, Brescia
Bsnews whatsapp

Con una lettera aperta indirizzata alla città, l’attuale assessore all’Ambiente e all’Urbanistica del Comune di Brescia, Paola Vilardi (Pdl) annuncia la propria candidatura a sostegno dell’ attuale sindaco Adriano Paroli. Oltre alle motivazioni che l’hanno spinta a rimettersi in gioco, Paola Vilardi in queste poche righe ha voluto anche ricordare il proprio operato in questi cinque anni al governo della città.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA:

Care concittadine e cari concittadini bresciani,

ci stiamo rapidamente avvicinando alle elezioni amministrative che il 26 e 27 maggio ci permetteranno di eleggere sindaco e consiglieri comunali. Ho voluto personalmente scrivere queste poche righe per invitare tutti voi a partecipare in maniera attiva e propositiva all’appuntamento e per comunicarvi le motivazioni che mi hanno spinto a impegnarmi ancora una volta in prima persona per sostenere la candidatura di Adriano Paroli.

Questi 5 anni sono stati difficili: abbiamo vissuto la fase peggiore di una crisi economica senza precedenti che ha influito pesantemente sui conti degli enti locali. Credo che i bravi amministratori sappiano fare la differenza proprio nei momenti più bui. Grazie ad Adriano Paroli e all’amministrazione comunale siamo riusciti a completare opere importanti, la metropolitana su tutte, e a iniziare progetti che nei prossimi anni miglioreranno ulteriormente la città.

Sono orgogliosa di aver fatto parte di questa squadra e mi rende felice sapere di aver contribuito personalmente al cambiamento. Ho seguito e diretto i lavori di adozione del Piano di governo del territorio, un documento urbanistico all’avanguardia finalizzato a recuperare gli spazi già esistenti e a prevedere per il futuro nuove infrastrutture. Grazie al lavoro realizzato, è stato approvato dal Ministero dell’Università il progetto relativo al campus universitario nella caserma Randaccio, è stata localizzata l’area per l’ampliamento del carcere di Verziano e oltre 1 milione di metri quadrati dell’area verde della valle di Mompiano (parco delle Colline) diventeranno a breve patrimonio della città.

Mi sono occupata inoltre delle complesse problematiche ambientali, lavorando per il potenziamento delle azioni di monitoraggio delle centraline di controllo delle polveri sottili e contribuendo a sbloccare 6,7 milioni di euro per avviare le bonifiche in zona Caffaro.

Si tratta di progetti, molti altri ne potrei citare, concretizzati nel rispetto delle esigenze di bilancio e del programma elettorale presentato nel 2008. Il lavoro svolto in questi anni, all’insegna dell’ascolto e della condivisione, mi consente di presentarmi dunque a queste elezioni con la convinzione di poter essere utile alla nostra comunità anche nell’immediato futuro.

Vi sarò grata se vorrete concedermi ancora la vostra fiducia, per continuare con decisione nell’opera di cambiamento e di miglioramento della nostra straordinaria Brescia!

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

8 COMMENTI

  1. Ci è assai difficile condividere l’orgoglio di appartenzenza della Sig.ra Vilardi ad un squadra di che si è contaddistinta, sin dall’inizio e fino alla fine, per improvvisazione, inesperienza, dilettantismo amministrativo. Se poi ci spostiamo sulle sue deleghe e sui risultati ottenuti, sembra lei stessa stendere un velo pietoso con due righe di soli cenni sul tema ambientale al quale lo stesso Paroli si è dichiarato pressochè estraneo. Non ce ne voglia Signora Vilardi, il cambiamento diffcilmente potrebbe identificarsi con una sua riproposizione di governo sui temi della sostenibilità ambientale, della salvaguardia dell’ecosistema, della tutela della salute pubblica.

  2. Se, al contrario, vuole affascinare il Piergi, basta che si dichiari grillina . I grillino non combinano nulla, non hanno o non esprimono un pensiero, ma han conquistato il nostro Catone.

  3. Si ascolti per benino i contenuti della conferenza stampa di domani della pentastellata Laura Gamba, e forse comincerete a capire che dietro ha ed avrà una squadra non proprio di desaparecìdos, tra i quali il sottoscritto, naturalmente. A proposito, Catone il Censore o Catone l’Uticense, erano due mi pare, e non proprio uguali…

  4. Ecco perché io non la voterò’ mi rivolgo proprio a Lei perché assessore all’ambiente. 1) non ho vissuto mai così male nel quartiere Carmine come in questi cinque anni; 2) le!polveri sottili qui c’è pieno e’ una polvere bianca che quando viene fumata aleggia nelle nostre case(faccio riferimento alle serate mondane della Movida) 3) avete studiato per togliere le barriere per gli handicap ma avete anche studiato su come posizionarne di nuove: il centro storico e’ così pieno di plateatici che già per un pedone senza handicap e’ impossibile camminare sui marciapiedi; 4 il mancato rispetto dei piedibus perche’ quelli del Carmine sono perennemente occupati dalle macchine (questo vuol dire che non avete rispetto neanche per i bambini) 5 le panchine di Largo Formentone vi rendete conto di quanto siano fuori da ogni normativa della 626 al sole sono roventi e se un bambino ci cade sopra rischia di tagliarsi (forse ques’ultimo problema l’avete sottovalutato perché chi occupa questo spazio è una folla di extra comunicatori) 6) ho quasi la certezza che a lei la MOVIDA piaccia tropo e che quasi quasi odi noi abitanti del Carmine

  5. Saputo come cerca di dimostrare di essere ogni volta sara’ in grado di capire quale dei due. Scenda dallo scranno sul quale si pone: in fin dei conti e’ un grillino: che dire di più.

  6. Non si tratta di ricandidatura ,ma di prima candidatura,in questo mandato non ha fatto la fatica di farsi eleggere come i vari maione ,margaroli,arcai ,labolaniè stata nominata come altri. Vedremo Non si tratta di ricandidatura ,ma di prima candidatura,in questo mandato non ha fatto la fatica di farsi eleggere come i vari maione ,margaroli,arcai ,labolaniè stata nominata come altri. Vedremo cosa raccoglie

  7. Si sostiene che io sia un grillino. No, sono un apolide come diceva più o meno alla mia età il compianto Mino Martinazzoli, al quali non sarei degno nemmeno, se fosse in vita, di lucidare le scarpe.

RISPONDI