Agguato e tentato stupro a una 26enne mentre si reca al lavoro, ora è caccia all’uomo

0

Non sono ancora le sette di mattina, una 26enne si sta recando a piedi al lavoro percorrendo via Industriale. A un certo punto sbuca dal nulla un nordafricano, sui 30-35 anni, grande e grosso. Ha già i pantaloni abbassati, spinge la ragazza contro un muro e le chiede un rapporto. La giovane è bloccata, dalla paura e dalla forza del bruto che la immobilizza, ma riesce ad urlare a squarciagola. Solo a quel punto l’immigrato si spaventa pensando che qualcuno potrebbe aver udito le grida, e se la da a gambe levate.

Questo quanto successo ieri mattina a una bresciana. Dopo l’episodio la giovane ha immediatamente chiamato il 113. Sul posto è giunta una pattuglia dei carabinieri, che grazie all’identikit si è messa sulle tracce dell’uomo. Nelle settimane precedenti il tentato stupro l’uomo aveva già incrociato la 26enne, ma si era limitato a pesanti apprezzamenti. Ieri è passato all’azione.
(a.c.)

Comments

comments

1 COMMENT

  1. ma basta ! ogni giorno una donna uccisa o stuprata. basta con la violenza sulle donne. tutta la solidarietà alla ragazza ed a tutte le donne vittime della violenza di una cultura che dobbiamo cambiare.

  2. sempre nordafricani.. PAZZESCO. La Boldrini vuole anche dare la cittadinanza a tutti.sempre nordafricani.. PAZZESCO. La Boldrini vuole anche dare la cittadinanza a tutti.

  3. Dici cose false. basta leggere i giornali e vedere che gli autori delle violenze contro le donne sono sia italiani che stranieri, accumunati da una cultura che concepisce le donne come oggetto/proprietà. Non ricordi la strage di san polo dell’anno scorso con 4morti? La cittadinanza di cui parli é per i bambini nati in Italia: cosa centrano i bambini con la violenza sulle donne?

  4. evvai…un altra risorsa a cui saremo noi italiani obbligati (tra 30 anni) a pagargli al pensione sociale , per ora siamo obbligati solo a pagargli vitto alloggio scuola e sanita’…non disperate che 30 anni passano alla svelta

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome