Frane a Pisogne e a Breno, ma i livelli dei laghi non preoccupano

0

Era prevista pioggia e pioggia è stata. Non continuativa però, e dalla metà mattina di ieri è tornato ad affacciarsi il sole su buona parte della provincia. Le abbondantissime e violente pioggie della notte e di domenica mattina però hanno messo a dura prova il terrtiorio montano, soprattutto in Valle Camonica.

Due gli episodi che hanno destato più preoccupazione nella giornata di ieri. Il primo a Pisogne, in località Dosello poco prima del bivio che porta in Val Palot. Il versante del monte fradicio di acqua si è staccato riversando sulla strada fango e pietre di medie dimensioni, isolando tutto ciò che stava a monte. Protezione Civile e Vigili del Fuoco dopo avere messo in sicurezza gli accessi hanno provveduto in un paio di ore a liberare la carreggiata e riaprire la strada.

Il secondo episodio a Breno nel pomeriggio di sabato, quando un masso di grosse dimensioni si è staccato dal versante sotto il castello scappando verso valle, fermandosi a non troppa distanza da alcune abitazioni. Il sindaco su invito dei vigili del fuoco ha emesso ordinanza di evacuazione delle case per evitare rischi; in giornata si valuterà se far tornare gli inquilini nelle proprie abitazioni. 

Tutto questo mentre i livelli delle acque di Garda, Sebino e Idro sono alti, ma sotto controllo.
(a.c.)

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome