Movida, Stellini (BresciaIn): “Un boomerang elettorale per i suoi sostenitori”

0

Con un comunicato l’ associazione Brescia In commenta il risultato elettorale bresciano in chiave “movida” e annuncia la nascita del coordinamento nazionale “No Malamovida”.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO:

Un quartiere esasperato dal fenomeno della movida favorito da alcuni assessori uscenti ha punito severamente nell’urna la giunta Paroli: rispetto ai dati complessivi della città risultano più alta l’astensione e più bassa la percentuale per il sindaco uscente al Carmine. Questa è la lettura delle elezioni in chiave “movida” e come successo in passato per altre città la movida rischia di diventare un boomerang elettorale per le amministrazioni che di fatto la tollerano e/o la favoriscono…… un monito per la prossima giunta.

Nel frattempo anche Brescia aderisce al COORDINAMENTO NAZIONALE NO MALAMOVIDA formato per da gruppi di Firenze, Acqui Terme,Bologna, Genova, Lecce, Torino, Milano e Brescia. La nascita del coordinamento nazionale è partita da un gruppo di comitati di Torino, dopo l’esemplare inchiesta della magistratura torinese che ha portato al controllo sanitario e fiscale e conseguentemente  alla chiusura di un fortino del degrado e del rumore: i Murazzi, con i suoi  troppi   locali irregolari  che impedivano il sonno ai residenti. E’ l’inizio della rivolta organizzata  di migliaia di cittadini esasperati dalla tolleranza compiacente che sindaci e amministrazioni di qualsiasi colore politico hanno
offerto finora, con rare eccezioni,  a locali sguarniti di qualsiasi requisito per restare aperti di notte , ma  che  persistono a disturbare la quiete pubblica e negano il diritto al riposo a migliaia di lavoratori: locali spesso gestiti dalla malavita organizzata.

Un mal costume presente solo in Italia, dove le amministrazioni comunali  hanno consentito finora agli avventori di ubriacarsi e bere fuori dai locali in ore notturne, contro ogni buon senso e ai gestori di locali di trasformare negozi in discoteche abusive, senza nessuna insonorizzazione. La lobby dei localari dovrà ora vedersela con migliaia di comitati di residenti organizzati. A Brescia, ricordiamo, è stato presentato da due cittadini un ricorso al TAR contro l’Amministrazione Comunale ed alcuni locali che avrà la prima udienza il 19 giugno.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. caro stellini —- la realtà è che la MOVIDA del Carmine ti dà troppo fastidio alle tue TAVOLATE che andavano bene cinque anni fa ….. ma che già da due anni a questa parte sono un vero FLOPPPP !!!!
    forse è arrivato il momento che tu TI METTA A LAVORARE DAVVERO !!!

  2. hai ragione antonio, infatti gli anziani che vanno alle tavolate di stellini sono tutti i fine settimana a bere birre e pirli nei locali della movida, sei RIDICOLO!

  3. hai ragione antonio, infatti gli anziani che vanno alle tavolate di stellini sono tutti i fine settimana a bere birre e pirli nei locali della movida, sei RIDICOLO!

  4. Le tavolate di Marco Stellini sono rivolte a chi abita nel quartiere e consentono, soprattutto agli anziani, di passare serate spensierate e serene (e il tutto finisce alle ore 23). La movida riempie il quartiere di gente da tutte le parti che non fa altro che bere, fumare, urlare,cantare, urinare e defecare (fino alle 3 / 4 di notte). Ma lei ha visto qualche volata di persona cosa succede nel quartiere del Carmine fra le ore 1 e 3 di notte oppure parla come tanti solo per riempirsi la bocca? E non pensa a chi ci abita (lavoratori, studenti, anziani, ammalati) che non possono mai dormire? Penso che Lei abbia votato Rolfi, principale sostenitore della movida in barba a tutte le leggi e regolamenti.

  5. Bisogna dare un merito alla movida,
    Oltre agli spacciatori e prostitute ha pure fatto sparire persone come Bonardi, labolani, la fornasari!
    Sperando che però questi ultimi possano sparire definitivamente dalla circolazione e non come i tossici e le prostitute che a parole sono sparite ma nei fatto sono aumentati

  6. Infatti rolfi e’ ancora il più preferenziato incrementando di olt il 40 per cento le preferenze personali…fai le salamine che è meglio dai..

  7. rolfi avrà anche aumentato le sue preferenze essendo segretario provinciale, ma la lega ha perso il 40% dei voti……. il carmine (e non solo) non vi crede più!!!!!! a casa!!

  8. Certo questo Stellini è veramente uno stratega! prima gregario e fruitore del sostegno della Giunta Prima ha tettato dalla Giunta Paroli, poi portatore di borracce a Del Bono nella speranza di poterne trarre sostentamento nel prossimo futuro. Certo mi sarebbe piaciuto vedere quanti consensi avrebbe raccolto la Sua listi "tarrocca"!!

  9. non mi pare che stellini abbia detto che ha votato del bono nel comunicato, mi pare che abbia spiegato solo che il quartiere del carmine ha bocciato la movida, non mi pare neanche che Bresciain abbia preso molti finanziamenti, altre associazioni e consorzi hanno avuto dalla giunta Paroli (ma anche da quella Corsini) centinaia di migliaia di euro facendo un decimo di iniziative.

LEAVE A REPLY