Damiano, il @NuovoPovero del Garda vive con tre euro al giorno

0
Bsnews whatsapp

(red.) Prima lavorava in un’azienda per il trattamento delle acque, poi però ha perso il lavoro e da un giorno all’altro si è trovato senza nulla da fare e senza soldi da spendere. A quel punto ha deciso di cambiare vita, nel vero senso della parola, e di abbandonare il tetto sotto cui viveva per intraprendere un viaggio con se stesso e nel mondo con soli 3 euro a disposizione al giorno. Si tratta di Damiano Rovizzi, 29enne di Soiano. Bresciaoggi ha raccontato la sua storia. Una storia iniziata l’11 maggio scorso quando zaino in spalle, Damiano è partito per il suo viaggio. Difficile però vivere con 3 euro al giorno. Per riuscirsci, e fino ad ora ci è riuscito, mangia scatolette, tonno e qualche volte, quando capita, un panino. Con se ha davvero poco o nulla ad eccezione di una videocamera con la quale documento il suo viaggio e un telefono cellulare con il quale si tiene in contatto con i genitori e comunica con il mondo tramite il proprio account twitter (@NuovoPovero). Il problema è che è difficile ricaricare sempre la batteria. In questi primi giorni Damiano è rimasto nei pressi del Lago, tra Desenzano, Peschiera e Sirmione, ma presto potrebbe allontanarsi dalla sua terra natia. Ma qual è l’obbiettivo di questo viaggio nella povertà? Dimostrare come è costretto a vivere e che conseguenze mentali e fisiche comporta trovarsi da un giorno all’altro senza lavoro e reddito. Ne uscirà un documentario interessante, che potrebbe trasformarlo da “Nuovo Povero” a “Nuovo lavoratore”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Non capisco una cosa… Per chi l’ha fatto? Per una sfida? Per se stesso? Per avere popolarità e finire sui giornali? Per dimostrare che con tre euro si può vivere?

  2. sarà un’esperienza grandiosa…indipend entemente dal motivo di partenza. E credo anche che avrà molti altri emuli nei prossimi mesi…

  3. Di oggi il dato ufficiale della disoccupazione giovanile che in Italia ha raggiunto il 41,9%: massimo storico da sempre, così viene riferito. Un’intera generazione senza presente e senza futuro. E come si possa invertire la tendenza nessuno lo ha ancora spiegato.

RISPONDI