Bossi contro Maroni. Monica Rizzi rimane fedele al Senatur

6

L’intervista di Umberto Bossi sul numero di martedì di Repubblica, nella quale ha dichiarato: “Maroni è solo un traditore” ha già prodotto i suoi strascichi tra i militanti bresciani della Lega. Lui, il senatur i suoi fedelissimi li ha ancora, e tra loro c’è certamente l’ex assessore regionale Monica Rizzi che, sulle pagine del Corsera di brescia ha dichiarato: “ Sono 26 anni che seguo Bossi. Dove va lui, vado anch’io. Anche se dovesse fondare un altro partito”. Monica Rizzi si dice altresì convinta che, oltre a lei, ci sia ancora una gran parte del popolo leghista pronto a seguire di nuovo Bossi.

Comments

comments

6 COMMENTS

  1. il problema non e’ seguire bossi o fare altro partito.. il problema e’ che maroni e i nuovi dirigenti lega, non stanno facendo assolutamente niente, niente di niente,occupano spazi e cadreghe in diversi posti , tagliano teste sveglie a suon di espulsioni, che possono fare ombra a loro nella carriera politica, e questi sono i risultati..TOSI A VERONA HA "AMMAZZATO" TANTI LEGHISTI CHE AVEVANO I VOTI, PER RESTARE SOLO LUI COME CAPO,BRESCIA E IN GIRO PER LA PADANIA PURE; E QUESTI POI SECONDO VOI HANNO FATTO CAMPAGNA ELETTORALE? non credo.il punto e’ che bossi arriva tardi a capire che questa dirigenza in lombardia della lega, non va bene, e non e’ sicuramente per la questione scandali vari…il pd ne ha combinate molte di piu’ di cavolate , eppure hanno vinto ovunque!non prendiamo in giro la gente che non e’ stupida e si e’ visto in questo giro elettorale. Maroni non e’ un leader e si e’visto poco in campagna elettorale, anzi sulla stampa anche meno, non e’ un capo, non lo sara’ mai,il popolo leghista ha bisogno di un leader maturo, non certo di mezzi democristiani che accaparrano solo sconfitte, ..che abbiano almeno la dignita’ , i vari rappresentanti del partito , di dimettersi,(ma non lo faranno vedrete),tanto la colpa sara’ di Bossi!!

  2. Monica 20.000 preferenze, Rolfi 5.000.. il problema è qua. Monica riprendi la lega in mano perché a Brescia abbiamo bisogno ancora di te.

LEAVE A REPLY