Gli studenti del Gambara alla scoperta della Berlino musicale

0

Si è concluso poco tempo fa con grande soddisfazione di studenti, insegnanti e genitori, il viaggio d’istruzione “Alla scoperta della Berlino musicale”. L’iniziativa ha visto coinvolte la classe 3ªA e 3ªB Musicale ed è stata coordinata dai docenti prof.ssa Claudia Franceschini (docente di Teoria, analisi e composizione e coordinatrice del Liceo musicale), prof. Gaetano De Simone (docente di Scienze) e prof. Giovanni Spinelli (dirigente scolastico).

L’iniziativa si è rivelato particolarmente rilevante perché, per la prima volta, gli studenti hanno potuto accostare importanti realtà musicali internazionali, oltre che conoscere musicisti di fama internazionale.

Nel corso dell’itinerario, gli studenti, ad esempio, hanno visitato celebri luoghi della tradizione culturale berlinese, come lo Schauspielhaus o Konzerthaus Berlin, luogo consacrato alla musica sinfonica, sorto in stile neoclassico sulle ceneri del Teatro nazionale, distrutto da un incendio nel 1817. L’edificio, gravemente danneggiato nel corso dell’ultimo conflitto mondiale, è stato ricostruito fedelmente e ha riaperto i battenti nel 1984. Citiamo, ancora, la visita guidata al Deutsche Oper Berlin, uno dei templi contemporanei della musica operistica.

In particolare, però, segnaliamo che le esperienze più significative sono state vissute dagli studenti nella sede dei Berliner Philarmoniker. Nell’edificio, il gruppo degli studenti, accolto dal prof. M° Romano Tommasini, secondo violino dei Berliner, ha potuto assistere alla prova generale del concerto in programma la sera stessa. La sera, infatti, sistemati nel settore podium, ovvero sul palco, a diretto contatto con gli orchestrali, gli studenti hanno assistito al meraviglioso concerto dei Berliner Phliarmoniker, che prevedeva l’esecuzione della Sinfonia n. 1 di Beethoven, del Violinkonzert di Hindemith e della Sinfonia n. 5 di Sibelius. Nell’intervallo fra un tempo e l’altro, gli studenti e i docenti, invitati nella kantine, cioè nei camerini, hanno potuto mescolarsi agli orchestrali e incontrare fra gli altri il violino solista M° Frank Peter Zimmermann e il celebre direttore M° Paavo Järvi. Si è trattato di un’esperienza esaltante sotto ogni profilo, capace di fornire ai giovani musicisti emozioni indimenticabili e una carica motivazionale senza eguali.

Nelle giornate seguenti, gli alunni sono stati accolti dalla prof.ssa Andrea Tober, responsabile dei programmi educativi della Berliner Philarmonie, che ha tenuto loro una breve, ma intensa lezione a illustrazione delle attività didattiche della prestigiosa istituzione musicale berlinese e dei principi che le animano. A seguire, studenti e docenti hanno potuto assistere alle prove di un noto corale tratto dall’opera per bambini Noye’s Fludde di Benjamin Britten, parte integrante di un progetto creativo che sarebbe culminato in pubblico evento nei giorni successivi, per il decimo anniversario dell’Education Programm: 300 giovanissimi allievi delle scuole primarie berlinesi diretti con entusiasmo e incredibile verve didattica da Simon Halsey. Il musicista, fino al 2012 direttore del London Symphony Chorus, direttore artistico del Berlin Radio Choir, è attualmente direttore artistico dei nuovi progetti corali della Philarmonie, per espressa volontà di Sir Simon Rattle. Halsey, informato della presenza degli studenti bresciani, ha raggiunto i ragazzi nella pausa della prova e li ha intrattenuti a lungo spiegando il senso del lavoro cui stavano assistendo. Infine, nel tardo pomeriggio gli studenti, con la guida del docente di viola, nonché orchestrale dei Berliner, prof. M° Walter Küssner, sono stati accompagnati all’esclusiva Hochschüle für Musik “Hanns Eisler”, dove hanno potuto presenziare alla Kammermusikfest, tradizionale esibizione di fine corso di studenti e docenti della scuola.

Bilancio, perciò, molto positivo del progetto dell’Istituto bresciano, a contatto “diretto” con alcune delle più significative realtà e istituzioni culturali musicali europee.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome