Segreteria regionale Pd, Bisinella: nessuna rottura, Bazoli pensi a fare il parlamentare

0

Immediata la risposta al deputato renziano Alfredo Bazioli da parte di Pietro Bisinella. Bazoli ieri aveva criticato duramente il segretario provinciale del Pd per il no netto al passaggio di testimone da Martina ad Alfieri alla guida della segreteria regionale del Pd. Nette le parole di Bisinella: " Caro Alfredo, il tuo invito a riconsiderare e a non rompere, come potrai ben capire, era già stato accolto ancora prima che tu lo pronunciassi".

DI SEGUITO IL COMUNICATO INTEGRALE

Se Bazoli si fosse degnato di farmi una telefonata, avrebbe certamente capito,  e saputo da fonte certa, che le mie intenzioni e quelle dell’intera segreteria bresciana del PD nei confronti di quella regionale, non sono di certo improntate alla rottura “tout-court” ed allo scontro frontale. Peraltro già domani ci sarà un incontro tra Alfieri e tutti i segretari provinciali del Pd Lombardo nel quale ci sarà spazio per il dialogo e il confronto.

Credo che Brescia in questi anni abbia avuto un peso troppo residuale nelle vicende regionali, mi pare che chiedere attenzione e rispetto per la seconda federazione lombarda per importanza, non sia certo un atto di lesa maestà, ma se mai di giustizia; se poi Alfredo permette i toni e i linguaggi sono ancora ascritti allo stile personale di ognuno di noi, e dato che io non mi sono mai permesso di giudicarlo, gradirei quanto meno lo stesso tipo di trattamento. Alfredo si occupi del suo incarico parlamentare, con serietà e impegno, invece di trasformare la “normale dialettica” interna al PD in una baruffa da cortile ridicola che nuoce al Partito e, in particolare, alla nostra comune credibilità.

Caro Alfredo, il tuo invito a riconsiderare e a non rompere, come potrai ben capire, era già stato accolto ancora prima che tu lo pronunciassi. Ma per saperlo bisogna comunicare, e non attraverso i comunicati stampa.

Pietro Bisinella, segretario provinciale Partito Democratico di Brescia

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ma Bisinella dove vuole arrivare? Quale corrente presenta in questo partito? E’ arrabbiato perché non ha fatto lui il deputato?

  2. Concordo con Bisinella. Bazoli pensi a fare il parlamentare e a rappresentare "tutto" il PD (si perchè i voti presi da Bazoli sono di tutti gli elettori PD, Renziani e non) in parlamento. A cosa portano queste prese di posizione talmente strumentali e sterili. Fa già abbastanza caldo in questI giorni, non aumentiamo i fastidi!

  3. Queste difes d’uffico di parlamentari per difendere i loro capicorrente non mi piacciono per niente?
    Caro alfredo, stai dimodtrando che viene prima la corrente "renziana" per te che la rappresentanza in regione della provincia! questo è il male del PD e dei parlamentari, dimenticarsi da dove vengono e chi rappresentano!

  4. Bisinella, fin dal suo primo atto da Segretario Provinciale ha cercato SEMPRE di unire e non di dividere, non ha mai voluto fare il capocorrente ed è sempre stato a fianco della sua gente TUTTA, e i risultati si sono ampiamente visti. Bazoli e la sua banda di amichetti dove sono stati fino a ieri? Oggi usano il nome di Renzi per mascherare il vuoto che li rappresenta. Fà benissimo Bisinella ad incazzarsi, mi pare che in tutte le occasioni ci abbia messo la sua faccia e senza chiedere nulla, pretendere un pò di rispetto per il lavoro fatto mi sembra il minimo. GRANDE BISI!!!

  5. Il PD ha una normale dialettica, con dissensi e contese acnhe aspre, tra Bersaniani (con 6 correnti), Renziani, Area Democratica (con 3 correnti), Movimento Democratico (con 3 correnti), Insieme per il Pd, Ulivisti e infine la corrente Cambia l’Italia. In tutto sono sette correnti principali e 12 sotto correnti. Vi sfido a gestire un tale complessità tra dialogo e confronto. Ma il problema politico ormai quotidiano del Paese, ovviamente, è la discussione interna (senza correnti) nel M5S…

  6. Ma che strano, Bisinella si ricorda solo ora di avere un ruolo autorevole, dopo che in questi anni ha lasciato che il partito venisse di fatto guidato da altri, e si scaglia come una furia contro il mite Bazoli, colpevole di avere espresso un pensiero non in linea con quello dei veri padroni del PD bresciano?
    Non è forse che il "disinteressato" Bisinella stia interessandosi troppo della sua sorte personale in vista del Congresso?

  7. Se è vero che Bazoli ha fatto un comunicato stampa senza neppure degnarsi di fare una telefonata la suo segretario provinciale per sapere come stavano le cose, non parlerei certo di mitezza, ma piuttosto di un intervento a gamba tesa, sleale e meschino.

LEAVE A REPLY