Labolani (FdI) contro la nuova giunta: già si rimpiange la sicurezza che si percepiva con Paroli

12
Bsnews whatsapp

A pochi giorni dall’insediamento della neo-eletta giunta bresciana il Gruppo di Fratelli d’Italia con portavoce Mario Labolani attacca la giunta di Del Bono sul tema sicurezza. "Un morto a seguito di un regolamento di conti tra extracomunitari in pieno centro storico (oltre a varie azioni ad opera di gang giovanili) fanno rimpiangere il senso di sicurezza che si percepiva con Paroli", si legge nella nota.

DI SEGUITO IL COMUNICATO INTEGRALE

A pochi giorni dall’insediamento della neo-eletta giunta bresciana facciamo le prime considerazioni, i primi bilanci che, purtroppo, contano, proprio in concomitanza col primo Consiglio Comunale, un morto a seguito di un regolamento di conti tra extracomunitari in pieno centro storico (oltre a varie azioni ad opera di gang giovanili) che già fanno rimpiangere il senso di sicurezza che si percepiva con Paroli. Sì perché, nonostante le difficoltà economiche, le energie spese a svecchiare Brescia, a favorire il lavoro e il commercio, la cultura e il turismo, la sicurezza è sempre stata una priorità della precedente giunta (nonostante Tar, associazioni sinistrorse e opposizione abbiano sempre fatto il possibile per metterle i bastoni tra le ruote). Ora “è cambiata l’aria…” e sull’asfalto di piazza Garibaldi sono rimaste due vittime di un accoltellamento, una delle quali spirata domenica sera al Civile. E’ questa la Brescia che vogliamo?! Una città in cui gli extracomunitari si fanno giustizia da soli girando indisturbati con spranghe e coltelli?! Un centro in cui dei ragazzini (stranieri nati in Italia) rapinano indisturbati dei negozianti proprio in faccia alla sede del Comune?! E vogliamo parlare degli scippi?! Delle gang del Freccia Rossa?! Dei vetri delle auto sfondati?! In centro poi, il problema dello spaccio sta riapparendo sempre più grave e indisturbato… Capiamoci: il giro di stupefacenti c’è sempre stato. Ma se prima avveniva in modo clandestino, ora avviene arrogantemente alla luce del sole, mentre sempre più gentaglia si arroga il diritto di occupare abusivamente case, fare sberleffi agli agenti, orinare in pubblico e strattonare i passanti pretendendo soldi per la birra. Aspettiamo con trepidazione le misure che verranno poste in essere e le scelte dei nuovi amministratori. Sperando che nel frattempo la conta delle liti con decessi non aumenti a dismisura…

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

12 COMMENTI

  1. Risponderò a quello che dice Labolani quando il suo partito sarà in grado di prendere un numero di voti sufficiente per eleggere qualcuno, oggi non è rappresentativo

  2. Di certo nessun rimpianto per la sua partenza a cui non potrà che corrispondere, a prescindere dai nuovi inquilini, una Brescia più libera e capace.

  3. Caro Compagnok, troppo bello scrivere quello che lei a scritto ,stando a casa comodamente alla finestra , oppure anche lei è una dei tanti che vedendo il vento e le possibilita di avere si è spostato dalla parte SX ,la sua affermazione non fà una piega , ci metta la faccia e vada avanti lei ….

RISPONDI