I deputati del Pd interrogano Alfano sullo Sportello Immigrati

0
Bsnews whatsapp

Con un’interrogazione al ministro dell’Interno Angelino Alfano, il senatore Paolo Corsini e i deputati bresciani del suo partito Alfredo Bazoli, Marina Berlinghieri e Miriam Cominelli hanno portato all’atenzione del Governo il caso dello Sportello Immigrati, finito nell’occhio del ciclone ormai da più di due settimane, da quando cioè è stata resa nota l’inchiesta su presunte pratiche illecite (leggi la notizia).

I parlamentari del Partito Democratico chiedono non solo un intervento rapido per porre fine all’emergenza e chiarire la posizione dei 130 indagati, ma anche un potenziamento della struttura e della Questura stessa, sottodimensionata in quanto a organico per una città come Brescia.
(a.c.)

Ecco il testo completo dell’interrogazione:

Al Sig. Ministro dell’Interno on. Angelino ALFANO
Premesso che:
– la situazione allo Sportello unico immigrati di via Lupi di Toscana di Brescia, sportello diretto dalla Prefettura, con la collaborazione della Direzione Provinciale del Lavoro e della Questura, è sempre stata precaria;
– il suddetto Sportello unico immigrati presenta una logistica molto carente ed un organico insufficiente (cui si sopperisce con personale di sostegno da parte del Comune di Brescia, della Provincia), organico quasi tutto con contratti a termine;
– da una decina di giorni un’ indagine della Procura di Brescia investe 130 persone che a vario titolo hanno operato nell’ufficio, configurando a loro carico reati di associazione per truffa e per irregolarità nella gestione delle pratiche di sanatorie e di flussi di ingresso;
– detta situazione ha provocato una vera destabilizzazione dell’ambiente;
– la situazione aumenta il rischio di allungare oltre misura i tempi, già intollerabili, dello smaltimento delle pratiche e provocare ulteriori gravi disagi agli utenti (che per accedere al servizio hanno bisogno di permessi dal lavoro), creando caos e tensione;
– da sempre, di fronte alla gravità dei problemi, le associazioni degli immigrati si sono rese disponibili alla collaborazione volontaria per "regolare il traffico", fare da filtro, dare informazioni;
– detta disponibilità, più volte manifestata ed inoltrata, non è stata mai accolta;
– proprio da situazioni come queste scaturiscono tensioni pericolose come quelle che tempo fa sono sfociate in episodi estremi (ultimo fatto di cronaca la vicenda che ha visto protagoniste alcune persone arrampicate pericolosamente su una gru di via San Faustino);
– almeno ogni quindici giorni in città si svolgono proteste che richiedono la soluzione di sanatorie di anni fa e un’accoglienza decente per la popolazione immigrata;
– nella Provincia sono 175.000 i migranti regolari su una popolazione di 1.200.000, in città sono 38.000 su 183.000 residenti;

Tutto ciò premesso

Il sottoscritto interroga per sapere se il Sig. Ministro:
– è al corrente della situazione;
– quali iniziative intenda promuovere al fine di adeguare l’organico in modo che la situazione venga al più presto sbloccata;
– intenda fornire un sostegno logistico che regoli gli accessi rispettando le persone e consentendo un normale colloquio agli sportelli;
– intenda rivedere l’attuale classificazione della Questura, palesemente inadeguata, dotata di organici deficitarii rispetto ai doveri, non solo di sicurezza, ma anche di rispetto dei diritti.

 

Firmato:
Sen. Paolo Corsini
On. Alfredo Bazoli
On. Marina Berlinghieri
On. Miriam Cominelli

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. ma mandiamoli tutti a casa che i permessi di lavoro sono quasi tutti falsi e i casini li fanno anche i suoi compagni dei centri sociali

  2. ma mandiamoli tutti a casa che i permessi di lavoro sono quasi tutti falsi e i casini li fanno anche i suoi compagni dei centri sociali

  3. Arrampicati pericolosamente sulla gru? Quelli hanno tenuto in scacco l’intera città per settimane, hanno messo a rischio l’incolumità dei vigili del fuoco, han commesso violenze e procurato un danno economico enorme, mai risarcito, e ora questi baldi parlamentari, si preoccupano che altri come loro possano arrampicarsi pericolosamente? Sembra la favola di Pinocchio, dove Pinocchio, arrestato per essersi fatto derubare, rappresenta i cittadini di Brescia. Egregi deputati e senatori, non provate alcun imbarazzo?

  4. "I permessi di lavoro sono quasi TUTTI falsi"????? Ma come si fa a dire una sciocchezza così? Che ve ne siano, di falsi, è evidente, ma che lo siano quasi tutti come fa a dirlo? A quali fonti fa riferimento? Quante persone conosce direttamente che hanno un permesso falso? Ha denunciato alle autorità qualche situazione concreta? Oltretutto, con il suo commento accusa "quasi tutti" gli imprenditori (italiani o no) di essere delinquenti che assumono personale in violazione della legge… Certo che il cancro della xenofobia ne fa di danni ai cervelli!!!

  5. le associazioni degli immigrati si sono rese disponibili alla collaborazione volontaria per "regolare il traffico", fare da filtro, dare informazioni…….. ..state scherzando vero? cioè ufficializzate una cosa ai limiti della legalità, dove si organizzavano ricorsi contro le espulsioni…vi ricordo che tutti e 4 SIETE al governo.

  6. Mentre i loro concittadini sono alla fame loro si preoccupano dei poveri immigrati costretti a fare la coDa (perchè gli italiani non fanno code!)….coda peraltro provocata dalle mazzette pagate dagli immigrati stessi recentemente scoperte.

  7. vorrei chiedere agli onorevoli parlamentari Corsini Bazoli Berlinghieri e Cominelli, visto che loro sono senz altro proprietari di seconde case, e qualche loro amico o famigliare altrettanto, perché non le mettono a disposizione dei poveri immigrati gratuitamente??? Perché non si occupano prima di tutto loro stessi di aiutare il prossimo??? E’ troppo comodo fare il buon samaritano con i soldi del popolo. Io non ci sto, il diritto a dividere ciò che è rimasto nel "cestino" dello Stato lo deve prima di tutto avere chi ha sempre pagato tasse e contributi ed i loro familiari e poi se qualcosa dovesse rimanere ben venga che lo possano dividere anche gli stranieri. Ma non è giusto che gente che ha lavorato una vita debba dividere ciò che ha faticato con chi invece al Paese ha solo preso e mai dato. Il razzismo non è avercela con gli stranieri, ma è chiedere sempre i sacrifici agli stessi che li hanno fatti per una vita ed approffitare della bontà e della misericordia che spesse volte gli italiano sanno avere!!!!!

RISPONDI