Province, Molgora: non vanno eliminate, ma riformate

0
Bsnews whatsapp

Dopo la bocciatura da parte della Consulta della riforma delle Province contenuta nel decreto Salva Italia e del loro riordino, arriva il plauso dell’Unione delle Province italiane e la soddisfazione del presidente della Provincia di Brescia, Daniele Molgora, secondo il quale nell’arco delle autonomie  "il Comune sono le fondamenta, la Regione il tetto e la Provincia le pareti". Per Molgora, scrive il Giornale di Brescia, "abolire o togliere funzioni alle Province non serve ad abbassare la spesa: chi svolgerebbe poi i loro compiti?". E aggiunge: "Le Province vanno riordinate nel numero e nelle funzioni, ma la riforma riguarda anche le Regioni più piccole". Con un incontro ieri in Broletto Molgora ha ribadito la difesa delle autonomie locali e territoriali ma ha anche annunciato i tagli richiesti: i consiglieri passeranno da 36 a 14, e la giunta avrà 5 membri, presidente compreso, invece degli attuali 12.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. …ma eliminate. L’unico effetto della presenza in contemporanea di 3 istituzioni, Comune, Provincia e Regione è che quando qualcosa non funziona scatta lo scarica barile: è competenza del Comune, no della Provincia, no della Regione. E così non si viene a capo di nulla. E intanto i cittadini pagano. Pagano per il Comune, pagano per la Provincia e pagano per la Regione. E avanti così.
    L’importante è che le poltroncine non si tocchino.

  2. Eliminare le province elettive è come tornare al Podestà fascista per risparmiare i costi della democrazia. Dando al Presidente della Provincia funzioni di Ufficiale del Governo come il SIndaco si può far bastare una sola Prefettura per regione

RISPONDI