L’Aib è ritornata

0

Sembra proprio che l’Associazione degli industriali bresciani sia ritornata, con le mani forti di Marco Bonometti, il nuovo presidente eletto “a furor di popolo”, e cioè grazie alla mobilitazione degli iscritti. Nell’assegnazione dei nuovi incarichi di vertice, infatti, il reset di Marco Bonometti è stato totale, a partire dai quattro vice presidenti. Ma sembra stia lavorando molto anche sulla struttura, per renderla adeguata alla sua visione, annunciata con chiarezza già il giorno della sua elezione. Ci sono anche i primi fatti rilevanti, e sono significativi. Dopo una settimana dalla sua elezione, Bonometti non ha esitato a vergare una dichiarazione alla stampa sulla vicenda Leali, invitando ad evitare scelte autolesionistiche. Qualche settimana dopo la sua presa di posizione, forte, motivata e tempestiva, l’accordo tra i sindacati e la nuova proprietà è stato firmato. Erano anni che questo non avveniva più, e la speranza è che l’episodio possa rappresentare il preludio di una nuova stagione, in cui AIB torni ad essere protagonista forte, seria, autorevole ed ascoltata. Ne hanno bisogno gli industriali, ma ne ha bisogno anche il territorio.    

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Da chiunque sia firmato non importa! Quello che conta è che la nostra città possa risollevarsi. Non solo tramite l’AIB, ma è ora che qualcuno cominci. La polemica non serve a niente, se non a chi non ha nulla da dire.

  2. Bonometti? Lasciamolo lavorare, ha fatto di più lui in un mese che altri in cinque anni. Ho strappato le dimissioni dall’aib, e vado avanti con più fiducia

LEAVE A REPLY