Insulta la Kyenge, Pedrali (Lega) si dimette da assessore

5
Bsnews whatsapp

Agostino Pedrali si è dimesso: la decisione è stata sua. Dopo quel post su Facebook con la foto del ministro Kyenge accostata a quella di una scimmia che ha scatenato polemiche e un indagine a suo carico per il reato di diffamazione aggravata dall’odio razziale, Agostino Pedrali, assessore ai Servizi sociali a Coccaglio ieri ha lasciato la sua carica. Scrive il sindaco di Coccaglio: «L’assessore Pedrali Agostino, dopo le opportune riflessioni ha rassegnato nelle mie mani le dimissioni irrevocabili da assessore, consigliere comunale e quindi da capogruppo. L’alto senso istituzionale che lo contraddistingue l’hanno portato a prendere questa decisione in totale e serena autonomia nel solo interesse dei cittadini di Coccaglio». E aggiunge: «Con questo atto il caso è da considerarsi chiuso e ritengo che ogni ulteriore valutazione diversa e strumentale debba cessare immediatamente».  Pedrali comunque ritiene di essere stato frainteso: «Non era mia intenzione essere offensivo nei riguardi di nessuno e se ho urtato involontariamente qualche sensibilità mi scuso… il mio era solo un tentativo maldestro di sdrammatizzare la situazione». Ma al web non è piaciuto quel gesto, tanto da scaricare una così fitta serie di commenti che hanno costretto Pedrali a togliere il profilo. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

5 COMMENTI

  1. Giustizia è fatta??!!! Dopo giorni e giorni di "politicamente corretto" finalmente la giustizia ha trionfato??! la mia solidarietà all’assessore Pedrali. Forse è stato un poco maldestro o maleducato, ma il suo , seppur per qualcuno di cattivo gusto , era un semplicissimo post!! Non ha minacciato , picchiato nessuno….. Ma questa è la legge in Italia. Non si possono più postare semplici vignette o scrivere battute. A quando il prossimo crucifige???Se sei kompagno(vedi i bravi ragazzi notav) o piddino tutto è permesso…Per gli altri c’è la nuova religione:L’indipend enza della Magistratura.

  2. Si é dimesso finalmente: chi non si rende conto della gravità delle battute razziste deve ritirarsi. Cosí come quell’esponente di SEL (il razzismo non é ne di dx ne di sn) che é stato espulso ieri per le affermazioni squallide contro la leghista razzista ("lasciatela in compagnia di 20 negri). Cosí come dovrebbe fare Calderoli che ci sta facendo fare una pessima figura in tutto il mono: ieri é addirittura intervenuta l"ONO contro le sue affermazioni razziste. Il razzismo é cosa grave: non puó essere tollerato.

RISPONDI