30 settembre, 30 novembre e 28 febbraio: le tre rate della Tares in città

0

Tutto rinviato a dopo l’estate. Nella seduta di ieri della Commissione Bilancio è stata approvata, non senza discussioni anche accese, la calendarizzazione dei pagamenti della Tares, la nuova tariffa sui rifiuti che sostituisce la vecchia Tarsu. Tre le rate decise, con scadenza fissata al 30 settembre, 30 novembre e 28 febbraio 2014. Ancora da decidere, invece, l’aliquota applicata dalla Loggia.

Quello di ieri in Commissione è stato un passaggio dettato dalle tempistiche amministrative, che obbligano la Loggia a far votare in Consiglio la delibera entro 30 giorni dall’entrata in vigore. Siccome ad agosto di consigli non ne verranno convocati, l’unico utile è quello di lunedì 29 luglio. Per questo motivo si è stabilita la calendarizzazione, rimandando in un secondo momento la questione aliquote.

In Commissione Adriano Paroli ha ribadito che fosse stato per lui avrebbe mandato due lettere, non tre come farà la Loggia (risparmiando 0,40 euro di spese di spedizione per ogni contribuente, cioè per 100mila utenze, tra 70mila famiglie e 30mila aziende). Fabio Rolfi invece avrebbe preferito un dilazionamento della tariffa su 5 rate, per non mettere in difficoltà gli utenti più deboli. Ad occuparsi della riscossione sarà Aprica, al costo di 700mila euro (che verranno recuperati in bolletta).

Nelle rate di settembre e novembre si pagheranno i nove dodicesimi del totale della tariffa calcolata sul 2012, lasciando a febbraio la parte rimanente di conguaglio, in pratica la vera Tares, comprensiva di 0,30 euro a metro quadro di balzello che andrà allo Stato.
(a.c.) 

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY