Quinzano, adolescente molesta e palpeggia una 19enne in pieno giorno

4

L’approccio inizialmente è sembrato tranquillo, con semplici complementi, ma a Breve ha preso un’altra piega. E’ successo a Quinzano dove un adolescente di origine straniera ha prima abbordato una 19enne, ma ben presto è passato all’aggressione e alle molestie sessuali. Fortunatamente la giovane, benché sotto shock, è riuscita a divincolarsi e ha raggiunto il comando della Polizia locale denunciando l’accaduto. Come riporta il Bresciaoggi i vigili e i carabinieri hanno rintracciato in pochi minuti il 15enne che prima ha negato e poi ha cercato di scappare. Il ragazzino è stato arrestato con l’accusa di molestie sessuali e resistenza a pubblico ufficiale. La misura cautelare è stata convalidata e il ragazzo è stato affidato alla custodia e responsabilità dei genitori e sarà il tribunale dei minori a giudicarlo.

I FATTI: la vittima era in bici quando è stata affiancata dal 15enne che si è avvicinato e con prepotenza ha abbracciato la ragazza toccandole il seno e cercando di baciarla. La 19enne ha reagito ed è riuscita a fuggire. «Non siamo di fronte a un molestatore, ma ad un ragazzino che probabilmente ha bisogno di un supporto psicologico – dichiarano al quotidiano gli agenti intervenuti. Il ragazzino infatti, due giorni dopo il fatto ha cercato di fare lo stesso con la bibliotecaria. 

Comments

comments

4 Commenti

  1. Nel quartiere dove abitavo una trentina di anni fa c’era un ragazzo che aveva delle evidenti difficoltà psichiche. Lo conoscevano tutti e nessuno si scandalizzava per i suoi strani comportamenti anche quando cercava di abbracciare e baciare le ragazze: semplicemente la conoscenza del caso e la familiarità con cui si viveva allora aiutava gli abitanti del quartiere a dissuaderlo da attggiamenti invadenti e fastidiosi cercando di intervenire anche attraverso il dialogo con i genitori. I suoi comportamenti venivano perciò controllati dalla comunità che diventava una sorta di famiglia allargata che si preoccupava per lui e per chi veniva fatto oggetto delle sue attenzioni.
    Le cose non funzionavano alla perfezione, ma la collettività si era inventata comunità terapeutica e di sostegno, sostituendosi all’attività che avrebbero dovuto svolgere i servizi sociali che purtroppo erano fortemente carenti.
    Tutto ciò probabilmente manca a questo ragazzino di 15 anni che, vuoi per ignoranza, per indifferenza, per isolamento o forse anche per malafede, non ha trovato un adeguato sostegno o un aiuto a superare le sue difficoltà.
    Qui l’integrazione c’entra eccome, ma non come la intendono certi commentatori!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome