Baby gang ancora in azione al Freccia Rossa. Calci e pugni ai vigilantes per rubare una maglia

2

Ancora paura al centro commerciale Freccia Rossa, dove sembra prendere sempre più piede il fenomeno delle baby gang composte da giovani stranieri che prendono di mira i coetanei e le attività commerciali del centro.

Nella mattinata di ieri, infatti, due volanti di Polizia sono intervenute al centro commerciale “Freccia Rossa” a seguito della segnalazione di un tentato furto avvenuto all’interno di un negozio di abbigliamento. Autori del furto quattro ragazzi stranieri, due dei quali minorenni, rispettivamente di anni 16 e 17. Tutti (tranne uno) con precedenti di Polizia.

Il gruppetto è stato notato da una commessa, poco prima delle 10, mentre si impossessava furtivamente di una maglia dopo avergli strappato il dispositivo antitaccheggio. Seguiti da due addetti alla vigilanza avvisati dalla negoziante, i quattro si sono disfatti della maglia e, al fine di sfuggire ad un eventuale controllo all’arrivo della Polizia, hanno reagito con violenza colpendo i vigilantes con calci e pugni anche al volto. Arrivati sul posto gli agenti hanno riportato la calma e, accompagnati i giovani in Questura hanno proceduto alla loro identificazione.

Tre di loro, N.S., del Burkina Faso del 1993, G.E, della Costa D’avorio del 1993 e O.O. nigeriano del 1996, sono stati arrestati per rapina in concorso. Il primo di loro, trovato in possesso di un coltello a serramanico e di una tronchese, è stato inoltre indagato per porto ingiustificato di armi o oggetti atti ad offendere. D.K., del 1995, nativo di Desenzano è invece stato indagato alla luce del ruolo marginale svolto nella vicenda.

Comments

comments

2 COMMENTS

  1. che bello, come siamo diventati multietnici!
    ecco altri quattro futuri frequentatori di Canton Mombello, non ci bastavano quelli nostrani, dovevamo pure importare la crema del terzo mondo!

  2. E questa è "la crescita culturale e civile" che ci portano i "fratelli migranti"!!!Cari miei buonisti , i risultati della vostra accoglienza indiscriminata di tutti la vedremo , ben sviluppata e concreta, tra qualche anno….Persone senza alcuna radice culturale e civile , con l’unico sentimento di odio nei nostri confronti.Non esiste alcuna politica di integrazione, come dimostrano le violenze cicliche in Francia, nei Paesi Scandinavi, in Belgio, in Olanda….Le persone vanno aiutate a crescere a casa propria!Non sradicate per ordine del mondialismo !

LEAVE A REPLY